Xoán Curiel tra canzone e poesia a Brunate

xoan-curiel-tra-canzone-e-poesia-a-brunate
0 516

Affacciata sull’Oceano Atlantico, la Galizia è una terra ricca di storia e bellezza, e la sua posizione geografica, quel nord-ovest spagnolo al confine con il Portogallo, la rende ancora più affascinante, come affascinante è il suo capoluogo, Santiago De Compostela, ambita meta di un cammino divenuto ormai leggendario. La piccola Como, adagiata su un diverso specchio d’acqua ma ugualmente terra di frontiera, in quanto a percorsi non è certo da meno, ed è quindi chiaro come il gemellaggio tra le due città appaia giusto e necessario, come dimostra il progetto Porte d’Europa, la cui idea di base è la ricerca di storie, poesie e canzoni nei territori coinvolti da parte di artisti – attori, drammaturghi, musicisti e poeti – che, lungo i camminamenti, possano raccogliere ispirazioni narrative, poetiche e musicali da portare al pubblico a fine percorso.

Un tratto del cammino verso Santiago de Compostela

Domenica 17 settembre accadrà proprio questo, al termine dell’ultima delle sei passeggiate creative del ciclo Sulle orme di Volta, promosse da Fondazione Alessandro Volta e ideate da Pietro Berra, che partirà alle 10 da piazzale Bonacossa, all’uscita superiore della funicolare: alle 15.30, al parco Marenghi di Brunate, il chitarrista e compositore galiziano Xoán Curiel, accompagnato da Daniele Cortese al basso, Andrea Varolo alla batteria e Andrea Pizzamiglio alla fisarmonica, si esibirà in un imperdibile live, in cui sarà protagonista il forte rapporto tra musica e poesia, predominante in tutta la pro- duzione di questo talentuoso musicista.

Xoán Curiel

«È la prima volta che vengo a Como – ha raccontato Curiel – e la trovo incantevole. Questo piccolo tour italiano è iniziato il 10 settembre alla cerimonia conclusiva del Premio Merini, è proseguito con i due workshop alla Piccola Accademia di TeatroGruppo Popolare e mi vedrà in concerto alla fine del cammino voltiano. Una vera sorpresa, per me, perché i brani che saranno proposti sono stati scelti, dal mio repertorio, direttamente dai musicisti che mi affiancheranno: questo conferirà alle mie canzoni colori ed espressioni in sintonia con la cultura artistica e la sensibilità di ognuno di loro, a conferma del fatto che le differenze, qualunque esse siano, sono ricchezze irrinunciabili, e come tali vanno rispettate. Anche per questo motivo, pur adorando la mia lingua d’origine, il galiziano, che trovo incredibilmente lirica e musicale, mi piace approcciarmi ad altri idiomi, come il francese, ad esempio, il portoghese e l’ita- liano, sperimentando nuove forme di linguaggio». La tournée italiana vedrà Curiel, insieme a Dario Maria Dossena, lunedì 18 al Teatro Blu di Milano per lo spettacolo Musica per la poesia, e di nuovo a Como martedì 19 settembre, alla scuola di musica Nota su Nota, per una masterclass di ascolto e sperimentazione accanto al bassista Giuliano Ros e al batterista Andrea Varolo.

Curiel è nato a Fonsagrada, tra le montagne di Lugo nel 1975. Nel 1998 si è trasferìto a Santiago de Compostela, dove ha sviluppato la sua carriera di attore, cantante e musicista. Il primo disco risale al 2009: da allora la sua carriera non si è mai interrotta.

Lascia un commento