Van De Sfroos: «Al lavoro su un nuovo disco di inediti»

van-de-sfroos-al-lavoro-su-un-nuovo-disco-di-inediti
0 2493

Chiusura in un luogo atipico per Davide Van De Sfroos che ha messo il sigillo finale al Folk cooperatour, che lo ha visto girare l’Italia in compagnia dei lecchesi Shiver per tutta l’estate scorsa, con una performance nel salone delle feste del Casinò di Campione d’Italia sabato sera. Quello che è andato in scena, come per tutti questi concerti, è un Davide che ritorna al folk, attingendo linfa da questi ragazzi molto più giovani di lui. Una linfa, ha preannunciato incontrando la stampa in camerino prima della performance, che si ripercuoterà anche sul nuovo disco, che sta iniziando ad abbozzare.

«Quando ti continui a infilare cose cammin facendo, che parti con un paio di scarpe, che poi diventano jeans, poi diventano camicie, soprabiti, tute da astronauta, caschi, elmetti… e ti sposti in territori anche inaspettati, territori che tu pensavi non potessi esplorare mai, finisce che addosso hai un po’ di tutto. Perché come il Genesio sei stato astronauta, magutt, vagabondo».

Campione d'Italia concerto di Davide Van de Sfroos " Folk Cooperatour "

Negli ultimi anni Davide non è stato solo cantautore, ma ha condotto programmi televisivi, ha collaborato come editorialista per quotidiani, si è lanciato in quella personale formula di teatro – canzone che è Terra & Acqua, si è perfino esibito con un’orchestra.
«Si è provato a fare tante cose – commenta – Forse tutto andava fatto, forse alcune cose si potevano anche evitare, però i percorsi sono aftti anche per sperimentarsi e per scoprire nuove angolazioni. E così come non puoi vestirti tutto di un colpo solo, così ci vuole del tempo per togliere scafandri, giubbetti e mettersi in libertà o ritornare comunque in una dimensione folk, là dove mi piacerebbe ritornare perché dopo essere stato in mare aperto e avere sperimentato perfino delle cose come Synfuniia e avere sperimentato tante cose anche lontane dall’idea originaria, il richiamo di casa rimane comunque molto forte».

Campione d'Italia concerto di Davide Van de Sfroos " Folk Cooperatour "

Campione d'Italia concerto di Davide Van de Sfroos " Folk Cooperatour "Quindi il nuovo album sarà un ritorno alle origini, “riportando tutto a casa” per dirla con Bob Dylan (e per tradurla con i Modena City Ramblers).
«Arrivati a un certo punto, a 51 anni, credo che la voglia sia proprio quella di togliersi di dosso delle cose per trovarne altre. Non dico che da adesso in poi bisogna girare particolarmente nudi, ma, probabilmente, la sottrazione può servire. Perché se vuoi provare a ritrovare quella che è la natura radicale delle cose non puoi scimmiottare te stesso di vent’anni fa, ma puoi tornare in quei territori vedendo come è possibile esserlo adesso. Questo Folk cooperatour con gli Shiver, che sono prettamente folk, mi ha aiutato ad avere un’idea possibile di disco».

Siamo solo all’inizio del lavoro: «Il disco è già un po’ pensato, qualche brano comincia a nascere, qualcosa di canticchiato in cucina e registrato, qualche bozza c’è… Ma siamo lontani da dire ho pronto un disco nuovo. Devo lavorarci, ma questa volta vorrei lavorarci con la sottrazione, cioè con la possibilità di incontrare personaggi, musicisti che devo ancora decidere per capire come fare a tornare alla radice partendo da oggi».

(Foto di Carlo Pozzoni)

Lascia un commento