Una scuola per l’India con i Sulutumana

0 1370

sostieni-vanaprasthaSabato 26 novembre, all’Auditorium di Tavernerio, si terrà Una scuola per l’India, evento benefico organizzato dall’associazione Shantimarga in favore della fondazione Vanaprastha di Padre Sibi, che da anni è impegnata nella creazione di un futuro migliore per i bambini, i giovani, le donne e le persone anziane dei villaggi indiani. Ospiti speciali della serata saranno i Sulutumana, che si esibiranno in un live carico di energia, emozioni, sorpresa e divertimento; energici e raffinati, colti e popolari, intensi e leggeri allo stesso tempo, fanno della loro musica un intreccio di strumenti e di generi sapientemente miscelati in un misto di folk, pop e musica d’autore di eccellente qualità, che dal 2001 ad oggi li ha portati a collezionare più di 800 esibizioni dal vivo in Italia, Svizzera e Germania. Per avere qualche informazione in più su questa splendida iniziativa, scambio due chiacchiere con Claudia Cunico, master Reiki e insegnante di yoga presso l’associazione organizzatrice.

Allora, Claudia, parlaci un po’ della tua associazione…

Shantimarga, che in sanscrito significa la via della pace, è un’associazione culturale no profit che si occupa di coltivare bellezza attraverso input che spaziano da filosofie orientali quali yoga, campane tibetane e corsi di Reiki a corsi di teatro, canto e musica, proprio per stimolare la mente ed ogni parte di sé stessi. L’ispirazione l’abbiamo presa da Dimmi, un brano dei Sulutumana a cui siamo tutti molto affezionati.  La nostra sede è a Faggeto Lario, sul lago, in un posto bellissimo, su una mulattiera facilmente raggiungibile dal parcheggio di Riva di Faggeto. Siamo in mezzo alla natura, e non è una scelta casuale, perchè anche lo spazio in cui si praticano certe discipline è importante e deve esprimere bellezza, e questo per noi è un luogo pacificante.

Come siete entrati in contatto con Padre Sibi e la sua associazione?

orfanatrofio-vanaprasthaHo avuto la possibilità di conoscerlo personalmente anni fa, durante una presentazione del suo progetto presso l’associazione culturale in cui mi sono formata come insegnante di yoga. Nel 2004 sono andata in viaggio di nozze nel suo villaggio in India, da quel momento ho iniziato ad avere un contatto diretto con lui e non l’ho più lasciato. Prete da 27 anni, è una persona che tocca profondamente i cuori di chi ha la fortuna di ascoltarlo; inizialmente voleva creare un centro spirituale in India, ma si è reso conto quasi subito che l’emergenza riguardava i bambini, perciò ha dovuto cambiare strada. È così che molti anni fa è nato Vanaprastha (in sanscrito Andare nella foresta), un progetto di recupero dell’infanzia, in un villaggio a 40 km a sud est di Bangalore, che vive in condizioni di estrema povertà e gestisce con difficoltà il grande numero di bambini presenti, a causa della scarsa alfabetizzazione e della situazione di abbandono in cui essi vivono. casa-bambiniPartita con dodici bambini, oggi la sua casa famiglia, dedicata alla memoria di Alessandro Sinatra e costruita interamente grazie alle donazioni dell’associazione Gli Amici di Ale, ne ospita più di ottanta, mentre la scuola, nata sempre sulla sua spinta, conta almeno mille fra bambini e ragazzi. Padre Sibi non si occupa solo del loro sostentamento e della loro educazione, ma insegna a queste future generazioni anche spiritualità e convivenza pacifica, e l’armonia che si respira in quel luogo è straordinaria. Ci sono bambini che sono arrivati da piccolissimi e ora, che sono grandi e magari genitori a loro volta, sono ancora lì ad aiutare i nuovi arrivi, in un meraviglioso cerchio d’amore e solidarietà. Come associazione lo seguiamo da tanti anni, è lui che ci ha suggerito il nome Shantimarga, siamo stati in India molte volte, e ci torneremo a dicembre. Da tre anni, ogni volta che lui è in Italia, con una decina di volontari organizziamo un evento benefico, il cui ricavato va interamente ai suoi bambini. Quest’anno, come il precedente in sala Carducci a Como, ospiteremo il concerto dei Sulutumana, all’Auditorium teatro del comune di Tavernerio, che ci ha dato il patrocinio.

Come si svolgerà la serata?

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il concerto inizierà alle 21 e al suo interno ci sarà un intervento di Padre Sibi. Al termine, offriremo un rinfresco per ringraziare tutti i presenti della loro partecipazione e per trascorrere un po’ di tempo insieme a questo straordinario sacerdote, così chi vorrà conoscerlo personalmente e parlare con lui avrà la possibilità di farlo.  Noi speriamo che arrivino tantissime persone, perché sappiamo che con quello che raccoglieremo avremo la possibilità di fare tanto; l’anno scorso e due anni fa abbiamo raccolto cinquemila euro netti ad evento, una cifra davvero ragguardevole, grazie alla quale nel 2014 i volontari di Vanaprastha hanno potuto ricostruire un pozzo, mentre l’anno scorso hanno acquistato letti nuovi per la casa. Quest’anno hanno bisogno di banchi per la scuola, Padre Sibi mi ha detto che dovrebbero smontare il tetto in ferro per costruirli, ma se riuscissimo a comprarli e donarglieli sarebbe meglio. I banchi nuovi sarebbero dei perfetti regali di Natale, e noi ci auguriamo di raggiungere questo obiettivo così importante, perchè, su tutto, fare del bene conduce alla bellezza piena.

Ingresso: 20 euro per gli adulti e 15 euro per i minori di 12 anni.

Lascia un commento