Un nuovo festival jazz per Como

un-nuovo-festival-jazz-per-como
0 1254

Prima edizione per il Villa Geno jazz festival, una manifestazione che per due serate, il 15 e il 16 aprile, porterà in riva al lago quattro formazioni d’eccezione con un ospite internazionale come il grande Mike Mainieri. Sabato sera proporrà un omaggio ai suoi leggendari Steps Ahead assieme al Thieves Quartet di Tullio Ricci (sax tenore e soprano), Fabrizio Bernasconi (pianoforte), Marco Ricci (contrabbasso e basso elettrico) e Maxx Furian (batteria). Mainieri celebra il trentacinquesimo anniversario del primo disco di quello storico gruppo che ha annoverato nella sua storia musicisti come Michael Brecker, Bob Berg, Eliane Elias, Steve Gadd, Peter Erskine e molti altri. Ma l’elenco dei virtuosi che si sono avvicendati nelle successive incarnazioni della formazione è lunghissimo e così anche le sonorità sono state progressivamente contaminate dall’apporto di ciascun componente. The Thieves Quartet proporrà un viaggio attraverso i brani che rappresentano maggiormente la storia degli Steps Ahead, dalle prime composizioni che sono forse tuttora le più celebri, estratte da quelle pietre miliari che sono gli album Paradox, Step by step, Steps Ahead e Modern times, fino alle più recenti dove l’elettronica ha giocato un ruolo importante. Questa formazione italiana è già attiva da cinque anni, ha realizzato due album e ha calcato i palchi dei più importanti festival italiani, portando in giro un originalissimo tributo alla musica di Sting e dei Police rimaneggiata in una forma fortemente jazzistica. In questo caso i quattro si mettono, letteralmente, al servizio di Mainieri forti di una grande solidità costruita negli anni di lavoro comune.

È questo il clou di un doppio appuntamento che sarà aperto venerdì alle 20.30 dal Carlo Uboldi Trio dove il leader, pianista conosciutissimo e molto apprezzato anche al di fuori dell’area comasca, sarà affiancato da Antonio Cervellino al contrabbasso e Marco Castiglioni alla batteria. Alle 22 la Monday Orchestra, una delle principali big band jazz nostrane per rendere omaggio ai più grandi crooner della storia, da Frank SinatraMichael Bublé. Dirige Luca Missiti con la voce solista di Paola Zigoi.

Sabato 16 l’apertura è tutta per il Lemon Quartet di Marco Bianchi. Il vibrafonista comasco sarà attorniato da Nicola Tacchi (chitarra), Roberto Piccolo (basso) e Filippo Valnegri (batteria). Bianchi è uno dei musicisti più attivi sul nostro territorio e se è virtuoso di uno strumento non abbastanza valorizzato e particolarissimo come il vibrafono, ha saputo impiegarlo con gusto unico e classe da vendere in numerosissime formazioni spaziando tra i generi, gli stili e le epoche, dal duo all’orchestra. Recentemente è stato impegnato in una serie di concerti in Europa, ma è tornato in Italia proprio per realizzare un album con questo Lemon Quartet. Nel finale, c’è da sperarlo, Bianchi potrebbe cimentarsi anche in un duetto con un maestro del suo strumento quale è Mainieri.

Apertura e aperitivo alle 19, concerti dalle 20.30. Ingresso a 20 euro. Il ricavato verrà devoluto alla Fondazione Pupi creata da Javier e Paula Zanetti per creare uno spazio dove i bambini socialmente più svantaggiati e diversamente abili di un’area estremamente povera della Repubblica Argentina ricevono, fin dalla prima infanzia, le attenzioni e l’istruzione necessarie in ogni momento della loro vita.
Per prenotazioni 031301414, 3921912231

info@villageno.it

Lascia un commento