Trilok Gurtu strega tutti al Sociale

trilok-gurtu-strega-tutti-al-sociale
0 631

Fortunato il Festival Como città della musica, che ha come location l’Arena del Teatro Sociale, ma nel caso di un maltempo implacabile come quello di mercoledì sera, può trasferire gli spettacoli sul palcoscenico del bicentenario edificio senza rinunciare alle performance. E sarebbe stato un vero peccato, perché l’appuntamento con il quartetto di Trilok Gurtu era davvero da non perdere. Certo, musica per palati fini e, infatti, era un pubblico di intenditori quello che non si è fatto indimidire da questo improvviso ritorno a un piovoso autunno, per ascoltare il percussionista indiano, il pianista Tulug Tirpan, il bassista Jonathan Ihlenfeld Cuniado e soprattutto il trombettista Frederik Köster.

Como teatro Sociale Festival Como Città della Musica 9 - Amore Furtivo concerto della TRILOK GURTU BAND

Como teatro Sociale Festival Como Città della Musica 9 - Amore Furtivo concerto della TRILOK GURTU BANDUn compito doppiamente arduo il suo perché in Spellbound, il progetto portato sul palco della massima sala cittadina, Gurtu ha inteso rendere omaggio a tre maestri della tromba: Don Cherry, con cui Trilok ha collaborato per tanti anni, Miles Davis e Dizzy Gillespie. Ebbene Köster non deve misurarsi solo con gli originali, ma anche con strumentisti del calibro di Paolo Fresu e Nils Petter Molvaer che, su disco, si sono cimentati in precedenza. Sfida vinta per una serata magica che la pioggia non è riuscita a guastare. Gurtu è un funambolico maestro delle percussioni e si è ritagliato diversi momenti solistici che hanno lasciato a bocca aperta i presenti: riuscire a far musica con un secchio pieno d’acqua, un piccolo gong e una bacchetta non è da tutti, per poi guidare la platea in una divertente improvvisazione collettiva. Nel pubblico anche una scatenata Fatoumata Diawara e, per certi versi, questo concerto ha ricordato per occasione (anche in quel caso era stato trasferito all’interno per la pioggia) e per la risposta del pubblico. Serata da incorniciare per il Festival Como città della musica.
(Foto di Carlo Pozzoni)

Lascia un commento