The Kolors e Fiorella Mannoia per il Festival Como città della musica

the-kokors-e-mannoia-per-como-citta-della-musica
1 3843

Fiorella Mannoia e The Kolors: sono i due nomi pop del Festival Como città della musica, presentato da Barbara Minghetti che ha levato l’ultimo velo a un calendario di cui si conoscevano già l’opera “partecipata”, il verdiano Nabucco, la novità dello spettacolo di danza Canti della seta, sempre con l’apporto di ballerini presi dalla vita e, infine, ancora Verdi con la Messa da Requiem diretta da Eric Dale Knapp. La tappa comasca del Combattente tour di Fiorella Mannoia sarà il 14 luglio, nell’Arena del Teatro Sociale che ospiterà anche The Kolors, la sera successiva. Entrambi i concerti sono organizzati in collaborazione con GC Events. Due proposte indirizzate a pubblici diversi, per certi versi diametralmente opposti. L’interprete romana è l’ultima grande signora della canzone italiana, responsabile di album amatissimi dal pubblico e sempre improntati a una qualità assoluta che parte dalla scelta dei brani. Tra i suoi autori i più importanti nomi della scena nazionale, da Ivano Fossati e Francesco De Gregori passando per Massimo Bubola, Enrico Ruggeri, Ligabue, Samuele Bersani e tantissimi altri. Ha dedicato un meraviglioso omaggio a Lucio Dalla e, quest’anno, è tornata al Festival di Sanremo per la quinta volta presentando Che sia benedetta, arrivata seconda (nulla ha potuto contro il tormentone di Occidentali’s karma di Gabbani), vincitrice anche del premio “Lucio Dalla” della sala stampa radio & tv e del premio “Sergio Bardotti” per il miglior testo. La canzone è stata inserita nella nuova edizione di Combattente, album pubblicato lo scorso anno che vede l’artista collaborare alla stesura di diversi brani assieme a Bungaro e Cesare Chiodo. Tra gli altri autori Fabrizio Moro, Giuliano Sangiorgi mentre La terra da lontano, per la prima volta, è firmata da Fossati con Fiorella. Dal vivo, naturalmente, non mancheranno i classici di una lunga carriera.

Fiorella Mannoia (foto di Luisa Carcavale)

È brevissima, invece, solo due anni (anche se sono attivi da sette) quella dei The Kolors, il trio napoletano balzato all’attenzione dei ragazzini grazie ad Amici di Maria de Filippi, ma a differenza di altri concorrenti avevano già una storia musicale alle spalle. Erano la “resident band” de Le Scimmie, il notissimo club milanese, e si erano esibiti in apertura dei concerti italiani di Paolo Nutini, Gossip e Hurts. Addirittura un album, I want, realizzato con l’aiuto, tra gli altri, di Rocco Tanica (Elio e le Storie Tese). Quando arrivano alla corte di Maria hanno praticamente la vittoria in tasca e Antonio Stash Fiordispino, frontman dal look post glam, diventa un idolo per le teenager. Anche per questo la critica non li ha amati. Ascoltandoli si scoprono tre musicisti competenti, che forse non riscriveranno la storia del pop, ma di certo non hanno usurpato la loro popolarità. Si tratta, peraltro, di una novità per il Festival che, in passato, ha proposto artisti indipendenti come Le Luci della Centrale Elettrica, Marta sui Tubi, Tre Allegri Ragazzi Morti, Baustelle, ma non aveva attinto dai talent con l’eccezione di Karima, nell’ormai lontana seconda edizione. Questa è la decima e la manifestazione ci arriva in buona forma contando anche su un buon numero di eventi collaterali, gratuiti, che nascondono non poche sorprese. Ecco il calendario completo.

Festival Como città della musica

29 giugno, 1 e 4 luglio – ore 21.30
200.Com Un progetto per la città
Nabucco di Giuseppe Verdi
Direttore Jacopo Rivani; regia di Jacopo Spirei. Maestri del coro Giuseppe Califano, Giorgio Martano, Mariagrazia Mercaldo e Mario Moretti. Interpreti solisti Alberto Gazale, Elena Lo Forte, Abramo Rosalen, Irene Molinari, Shi Zong, Claudio Grasso e Tiberia Monica Naghi. Coro 200.Com, Coro Città di Como, Coro voci bianche del Teatro Sociale di Como. Orchestra 1813. Produzione Teatro Sociale di Como AsLiCo

7 luglio – ore 20.15
Canti della seta. La città in movimento. Coreografie di Virgilio Sieni. Musiche originali eseguite dal vivo di Michele Rabbia.

9 luglio – ore 21.30
Messa da Requiem di Giuseppe Verdi. Direttore Eric Dale Knapp. Interpreti solisti Megan Knapp, Teresa Buchholz, Kirk Dougherty, Jared Schwartz. New Jersey Choral Society. Orchestra 1813.

14 luglio – ore 21.30
Fiorella Mannoia in Combattente tour. In collaborazione con GC Events
Concerto di musica italiana

15 luglio – ore 21.30
The Kolors in Tour 2017. In collaborazione con GC Events


Intorno al Festival

Torre del Baradello, 30 giugno – ore 20.30
Sunset saxophones con Elise Hall Saxophone Quartet. Musiche di Cockroft, Geiss, Gershwin e Nyman. Trascrizioni di Sciarrino da Mozart, Porter, Scarlatti e Venosa.

Pontile di Piazza Cavour, 1 luglio, partenza ore 11
Note sul lago. Omaggio a Vincenzo Bellini e Giuditta Pasta con il musicologo Stefano Lamon. Momenti musicali all’imbarcadero di Moltrasio e all’antica chiesa a lago di Blevio. Prenotazione obbligatoria alla biglietteria del teatro.

Parco di Villa del Grumello, 2 luglio – ore 5.15
Alba sulle quattro corde con Davide Alogna e il Quintetto dell’Orchestra da Camera di Mantova. Musiche di Haydn, Mendelssohn, Piazzolla, Saint-Saëns e Vivaldi.

Monumento ai Caduti, 2 luglio – ore 19.30
Pizzichi al tramonto con Fabius Constabile & Celtic Harp Orchestra. Musiche di Čajkovskij, Constabile, Debussy e Glass.

Chiostro di Sant’Abbondio, 5 luglio – ore 19
From Vienna to Como con il Quartetto Comum. Musiche di Beethoven, Hoffmeister e Mozart.

Parco di Villa del Grumello, 6 luglio – ore 18.30
Pianta un gelso! Azione coreografica a cura di Virgilio Sieni. Una cerimonia di gesti dove l’atto di piantare un albero apre uno spazio di congiunzione e dialogo tra corpo e natura, memoria e quotidianità.

Piazza Grimoldi, 8 luglio – ore 22
Milonga sotto le stelle con il Quartetto Artemisia e con la partecipazione dell’Accademia Tango Lopez. Musiche di Bregović, Gade, Gardel, Piazzolla e Rodriguez.

Teatro Sociale – Brunate, 9 luglio – dalle 9.15 alle 13
Sulle orme di Giuditta Pasta. Narrazione di Pietro Berra in collaborazione con Passeggiate creative. Momenti musicali all’eremo di San Donato e nel parco dell’ex Grand Hotel Brunate.

Villa Gallia, 11 luglio – ore 20.30
Cinematic dream con Orchestra da Camera Milano Classica. Direttore Giuseppe Califano. Musiche di Chaplin, Desplat, Johannsson, Morricone, Rota e Williams. In collaborazione con il Lake Como Film Festival.

Via Garibaldi, 12 luglio – ore 18
Diamoci delle arie. Récital con di cantanti AsLiCo. Si ringrazia Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura

Hangar Aero Club Como, 13 luglio – ore 22.15
Mozart in the hangar con Electric String Trio. Musiche di Mozart riarrangiate in chiave jazz, bossanova e gypsy.

Passeggiata Amici di Como, 15 luglio – ore 18.15
Bolero e… Coreografia di Simonetta Manara Schiavetti con la partecipazione del solista Akos Barat. Produzione Scuola di danza del Teatro Sociale.

Tempio Voltiano, 16 luglio – ore 17
Il piccolo principe adattato, diretto e interpretato da Giuseppe Adduci con Sulutumana Trio: Gian Battista Galli, Francesco Andreotti e Nadir Giori.

1 commento

19 aprile 2017 alle 12:47

Solo un appunto riguardo al pubblico de the kolors. Siamo una folta schiera di 50enni e oltre a seguirli. Il loro sound cattura un pubblico che va dai neonati agli anziani

Lascia un commento