Sinigallia «Per tutti» a Villa Calvi

sinigallia-per-tutti-a-villa-calvi
0 678

Tanti lo ricordano soprattutto per la sua breve, ma intensa permanenza nei Tiromancino, ma Riccardo Sinigallia è uno dei cantautori più attivi e nella sua carriera ha collaborato con artisti di prima grandezza sviluppando, in parallelo, una carriera solistica che lo ha portato a realizzare tre album molto apprezzati dalla critica e da un seguito di fedelissimi. Cantugheder lo ospiterà nel parco di Villa Calvi il 25 giugno (biglietti a 7 euro).

Sinigallia Per tutti - album cover2Scrive canzoni da quando aveva 12 anni. Nel 1988 ha formato i 6 suoi ex, band con cui scrive, suona e canta per quattro anni nei centri sociali e nei club dei primi anni Novanta. Nel 1994 comincia la collaborazione come autore con Niccoló Fabi di cui ha prodotto e arrangiato i primi 2 album, Il giardiniere e Niccoló Fabi e con cui firma – tra le altre – canzoni come Dica, Capelli, Rosso, Vento d’estate, Lasciarsi un giorno a Roma. Nel 1997 ha prodotto e firmato alcune canzoni de La favola di Adamo ed Eva di Max Gazzè, tra cui Cara Valentina, L’amore pensato e Una musica può fare. È dello stesso periodo Quelli che benpensano di Frankie Hi-Nrg Mc con il quale dirigerà anche il videoclip, iniziando una lunga collaborazione che lo vedrà dietro alla macchina da presa anche da solo per molte delle sue produzioni musicali tra cui quella dei Tiromancino.

Nel 2000 l’uscita de La descrizione di un attimo, album di cui firma la produzione e tutte le canzoni tra cui quella che darà il titolo al disco, ma anche Due destini che sarà nei titoli di coda del film Le fate ignoranti, e Strade con cui parteciperà in duetto al Festival di Sanremo di Fabio Fazio. Sempre del 2000 è la scrittura e la produzione di Medicina buona della Comitiva, collettivo in cui figurano Frankie Hi-Nrg Mc, Elisa, Ice One, Francesco Zampaglione e Franco Califano. Nel 2003 esce il suo primo lavoro, Riccardo Sinigallia, che viene spesso inserito dalla critica specializzata nelle classifiche dei migliori dischi italiani di questi anni.

Nel 2006 viene pubblicato Incontri a metà strada, album che raccoglie nuovamente molti consensi da parte della critica e con cui riesce a crearsi un proprio spazio nel panorama della canzone d’autore italiana contemporanea. È autore delle colonne sonore di Paz! e Amatemi di Renato de Maria. Nel 2008 Luca Carboni lo chiama per Musiche ribelli, dove insieme i due reinterpretano alcune delle canzoni più significative del cantautorato italiano degli anni Settanta, tra cui Ho visto anche degli zingari felici di Claudio Lolli e La casa di Hilde di Francesco De Gregori.

Del 2012 è Planetario – Musica per conferenze spaziali dei deProducers, realizzato insieme a Max Casacci, Gianni Maroccolo, Vittorio Cosma, Howie B, Dodo Nkishi e Fabio Peri conservatore del Planetario di Milano. Del 2013 invece è la produzione di Non erano fiori di Coez, rapper dell’underground romano. Nel 2014, con i brani Prima di andare via e Una rigenerazione, Riccardo Sinigallia ha partecipato per la prima volta da solista al Festival di Sanremo, pubblicando poi il nuovo album Per tutti.

Lascia un commento