Scopri l’India magica di Trilok Gurtu al Sociale: BiBazz ti regala un biglietto

spellbound-lindia-magica-di-trilok-gurtu-al-sociale
0 817

È considerato uno dei più grandi e influenti percussionisti del mondo, ha suonato con alcuni dei più importanti musicisti spaziando dal jazz all’avanguardia, dal progressive degli Aktuala, la band nostrana che lo ha fatto conoscere in Italia negli anni Settanta, ai leggendari Oregon, che proprio grazie ai suoi ritmi hanno speziato una fusion perfetta. È Trilok Gurtu, straordinario musicista indiano protagonista dell’appuntamento di mercoledì 13 luglio con il Festival Como città della musica.

Grazie alla collaborazione con Teatro Sociale Aslico è possibile ricevere un biglietto omaggio per ogni biglietto acquistato. Come fare? È semplice: basta registrarsi gratuitamente a BiBazz – la procedura è veloce e semplicissima – per visualizzare il voucher sottostante. Va stampato oppure semplicemente visualizzato sullo smartphone e presentato alle casse del teatro, in piazza Verdi 1. Sarà così possibile acquistare un biglietto per il concerto ricevendo un secondo tagliando in omaggio. Il singolo biglietto ha un costo di soli 16 euro (2,50 euro la prevendita). Le casse del Teatro Sociale saranno aperte martedì 12 dalle 13 alle 18, mercoledì 13 a partire dalle 16.

Promozione

Per questo evento è possibile ottenere un voucher.
Se sei un utente registrato, non devi fare altro che eseguire l'accesso. Oppure... registrati! Cosa aspetti?

Accedi oppure Registrati


Sul palco Gurtu sarà accompagnato da Tulug Tirpan (pianoforte e tastiere), Frederik Köster (tromba) e Jonathan Ihlenfeld Cuniado (basso) per Spellbound: world of trumpets. È una dedica al grande trombettista Don Cherry: fu questo innovativo jazzista americano a incoraggiare un giovane percussionista indiano, all’inizio degli anni Settanta, a inseguire la sua visione di una musica intuitiva, che fosse aperta al mondo e abbracciasse le culture del mondo e a realizzare questa visione. Così in ogni brano di Spellbound è la tromba lo strumento principe. Un progetto che è diventato un album dove suonano talenti internazionali del calibro del norvegese Nils Petter Molvaer, il tedesco Matthias Schriefl, il libanese Ibrahim Maalouf, il turco Hasan Gözetlik e anche l’italiano Paolo Fresu. In concerto troviamo Köster, musicista tedesco che ha lavorato con musicisti eterogenei quanto possono esserlo Randy Brecker, Lalo Schifrin e Nina Hagen e che guida un quartetto e un’orchestra con cui ha trovato una fama crescente in tutta Europa.

Lascia un commento