Rick Wakeman, piano e british humour a Milano

rick-wakeman-piano-e-british-humour-a-milano
0 722

Rick Wakeman nuovamente in Italia, mattatore mercoledì 3 maggio alle 21 al Teatro Manzoni di Milano in uno spettacolo di pianoforte e monologhi umoristici. “Mattatore” è termine appropriato perché il glorioso musicista inglese, tastierista degli Yes e con loro reduce della premiazione alla Rock and Roll Hall Of Fame, in cui si è prodotto in un’inaspettata performance cabarettistica in luogo dei soliti discorsi, facendo sbellicare i colleghi e meritandosi un bacio da Joan Baez, ha scelto nuovamente di riproporre il formato musical – teatrale, coadiuvato da una traduttrice, alternando esecuzioni e divertenti aneddoti di quasi cinquant’anni di carriera a fianco di celebrità di ogni tipo.

Yes nella Rock’n’roll hall of fame: Steve Howe, Alan White, Bill Bruford, Rick Wakeman, Trevor Rabin e Jon Anderson

Wakeman è in simbiosi con le nostre zone: gradito ospite de La Provincia qualche anno fa, con gli Yes ha suonato all’Estival Jazz di Lugano nel 2004, e da solo nel 2009, mentre in tempi più recenti si è esibito in Piemonte e Veneto.

Leggenda del rock inglese – iconico, avvolto in un mantello luccicante, alle prese con tastiere di ogni tipo suonate con maestria – dopo l’esordio nei dischi di David Bowie, Elton John, Lou Reed, Cat Stevens, Strawbs e altri – ha reso gli Yes primattori del rock mondiale. Da solista ha pubblicato un numero enorme di lavori, ma i dischi, oltre a quelli yessiani, per i quali sarà sempre ricordato sono i primi tre, The six wives Of Henry VIII (Le sei mogli di Enrico Ottavo), Journey to the centre of the Earth (Viaggio al centro della Terra, ispirato all’omonimo romanzo Jules Verne) e The myths and legends of King Arthur and the knights of the round table (I miti e le leggende di Re Artù e i cavalieri della tavola rotonda) riproposti ancora oggi in parte o per intero in sontuosi concerti, e dai quali eseguirà estratti anche al Manzoni. Volto noto della tv britannica, alla Bbc, Wakeman ha intervistato e suonato con celebri colleghi, è apparso in documentari, a Top Gear e in altri divertenti varietà. Mercoledì niente mantello e synth, bensì pianoforte a coda, giacca e cravatta e puro, irresistibile, humour britannico.

Infoline: 027636901, biglietti da 57 a 46 euro.

Lascia un commento