Rettore: «Emozionata sempre» al Tittoni

rettore-emozionata-sempre-al-tittoni
0 498

Le ultime voci la vorrebbero papabilissima come giudice per Amici di Maria De Filippi: Donatella Rettore è ancora oggi amatissima. Merito dei suoi atteggiamenti spregiudicati e anticonformisti in un’epoca, gli anni Ottanta, in cui il conformismo sembrava tornare di moda. Merito di tante canzoni indimenticabili. Merito, anche, di un’autoironia rara, senza contare un fandom agguerritissimo. Sabato 16 luglio alle 21.30 sarà al Parco Tittoni di via Lampugnani 66 a Desio per prendere parte all’Hottanta 80’s Party che sarà aperto dalla Hot Band per poi sfociare in un dj set delle Sorelle Manetta. Ingresso a 10 euro. Ma non c’è niente di meglio della musica per raccontare Rettore e, allora, BiBazz propone la sua Top 5.

Kobra (1980) – Verso cult: «il kobra non è una biscia, ma un vapore che striscia con la traccia che lascia dove passi tu…»

Lamette (1982) – Verso cult: «Dammi una lametta che mi taglio le vene: mi faccio meno male del trapianto del rene. Ti voglio bene, sì, ti voglio tanto bene»

Splendido splendente (1979) – Verso cult: «Anestetico d’effetto e avrai una faccia nuova grazie a un bisturi perfetto: invitante, tagliente… splendido splendente (Paraparaparapara)»

Estasi (1981) – Verso cult: «Estasi è dormire con le braccia distese come Gesù a cui la morte sorrise, è sentirsi senza niente e stare bene, troppo bene!»

Donatella (1981): «Lavati i fanali per favore, cerca finalmente di imparare: qui c’è scritto solo Miss Rettore… e chiamami soltanto Miss Rettore!»

 

 

Lascia un commento