Orchestre, récital e solisti: ecco il Festival di Bellagio e del Lago di Como

0 690

L’appuntamento è per giovedì 29 giugno nel salone ottocentesco del Grand Hotel Villa Serbelloni di Bellagio: con l’ormai tradizionale concerto sinfonico dell’orchestra I Pomeriggi Musicali di Milano (nella foto in alto), prenderà il via una nuova edizione del Festival di Bellagio e del Lago di Como. Edizione numero sette, che si annuncia con una particolare unione di tradizione e novità. Le note della Sinfonia n. 38 di Haydn insieme alle fastose melodie di Rameau, Telemann, e alle Sinfonie di Abel e Mozart KV 43 apriranno alle 21 un cartellone destinato a protrarsi fino 22 ottobre: quattro mesi di musica – un tempo quasi raddoppiato, rispetto alle edizioni precedenti – che riempirà l’estate e l’inizio d’autunno delle province di Como e Lecco con la musica, l’arte e la cultura diffuse in decine di municipalità, dimore storiche e paesaggi romantici del Lario.

Rossella Spinosa, pianista, direttore artistico del festival

Per la settima edizione il Festival conferma l’alto livello del suo cartellone, fra novità e appuntamenti che, nel corso delle passate edizioni, sono riusciti a costruire un pubblico affezionato: uno su tutti, la serata inaugurale di Villa Serbelloni, divenuta quasi attrazione mondana. Vera novità di peso del settimo Festival di Bellagio e del Lago di Como sarà la presenza sempre più diffusa nella programmazione di formazioni orchestrali. Il pubblico di turisti, appassionati e residenti potrà appassionarsi nel confrontare e apprezzare maggiormente, oltre alla compagine regionale dei Pomeriggi Musicali presente a Bellagio, Lezzeno, Varenna, Zelbio, Lecco e in Tremezzina con un’ampia varietà di programmi, stili ed epoche tratti dalla locandina regionale Pomeriggi d’estate, le numerose produzioni originali della Bellagio Festival Orchestra; l’orchestra in residenza nata in seno alla manifestazione stessa spazierà anch’essa su quattro secoli di storia musicale con solisti come gli archi di Ostap e Olga Shutko (11 e 12 agosto a Abbadia Lariana e a Bellagio). A questi appuntamenti si aggiungeranno le partecipazioni dell’Orchestra Zephyrus di Marco Zoni, primo flauto del Teatro alla Scala di Milano, dell’Orchestra Vittadini e dell’Orchestra Carlo Antonio Marino.

New Made Ensemble

Gruppi cameristici, solisti e formazioni aperti ai generi di musica trasversali andranno a punteggiare i rimanenti spazi del cartellone. È il caso del New Made Ensemble, che proporrà con la voce recitante di Sonia Grandis il melologo Gilda mia Gilda, per non dire Rigoletto! su musica di Michele dall’Ongaro (24 agosto a Esino Lario) o il viaggio da Rossini e Satie a Solbiati con Raffaella Stirpe alla viola e Ylenia Volpe alla fisarmonica (25 agosto a Bellagio). Il Coro della Cappella del Duomo di Milano tornerà il 9 settembre con un’antologia da Mendelssohn ai maestri di cappella ambrosiani del Novecento. Gli appassionati di récital pianistici di spicco non rimarranno delusi: a Bellagio saranno il 15 luglio Vincenzo De Filpo in un tutto Gershwin, il 5 agosto l’ungherese Joszef Balog con Wagner e Liszt, il 23 settembre la direttrice artistica del festival Rossella Spinosa con la sua musica e il “suo” ci- nema muto, nel caso La nave di Gabriellino D’Annunzio. Tutte le informazioni al sito www.bellagiofestival.com.

Lascia un commento