Omaggio alla Motown con Francy & The Soul Room

cantugheder-omaggia-la-motown-con-francy-the-soul-room
0 899

Gli appassionati di black music non devono perdersi Francy and the Soul Room sabato 21 gennaio alle 22 sul All’Unaetrentacinquecirca di Cantù. La cantante Francesca Francy Arrigoni e la sua band, con Giorgio Giommi alla chitarra, Marco Villa al sassofono, Simone Spreafico alle tastiere, Alessandro Rigamonti al basso e Ivan Romeri alla batteria con Lara Molteni e Lucia Fontana ai cori recupereranno un repertorio che ha fatto ballare tutto il mondo per decenni. È quello della Motown, la storica etichetta di Detroit, detentrice non solo di un sound, ma di una vera e propria formula per creare hit. Sono passati quasi sessant’anni da quel 12 gennaio 1959, quando Berry Gordy jr. aprì i battenti del 2648 sul West Grand Boulevard a Detroit, ancora ignaro del radioso futuro che attendeva lui e i cantanti che avrebbero fatto fortuna negli anni successivi. Qualche nome? Marvin Gaye e Stevie Wonder, solo per menzionare due tra i più celebri ancora oggi, ma erano i gruppi vocali quelli che davvero catturavano l’attenzione all’inizio. Quelli maschili (Smokey Robinson & the Miracles, i Temptations, i Four Tops) e quelli femminili (le Supremes, Martha and the Vandellas, le Marvelettes), con una quantità incredibile di canzoni che hanno fatto la storia: Dancing in the street (un inno generazionale di orgoglio afroamericano, più che un semplice successo pop), Uptight, Let’s get it on, Papa was a rolling stone e I want you back, il pezzo che ha lanciato i Jackson 5, con un giovanissimo Michael voce solista. Tutti brani in repertorio di questi giovani lecchesi, protagonisti di un progetto di recupero encomiabile, che riporta dal vivo brani che siamo troppo abituati ad ascoltare solo nelle versioni originali, splendide, inarrivabili, ma la musica, affidata solo ai dischi, perde di incisività.

Lascia un commento