Nasce ad Appiano la Santeria di Gué Pequeno e Marracash

nasce-ad-appiano-la-santeria-di-gue-pequeno-e-marracash
0 1100

Musica e cinema spesso rappresentano il connubbio perfetto. L’arte visiva, mescolata ai ritmi coinvolgenti di una canzone, è il cocktail perfetto dagli ingredienti esplosivi per una buona resa di magica illusione, comunemente denominata videoclip. Cosa ci fanno, in un bosco di Appiano Gentile, una sorta di strega dai rimandi Vudù e due guerrieri tatuati con una laterna in mano? Beh… è chiaro che non si tratta di nessun tipo di messa nera, ma, per l’appunto, di un videoclip. Santeria è il nome dell’ album con il quale Gué Pequeno e Marracash hanno debuttato come alleati nel panorama musicale nazionale. Proprio in questo album c’è un’intro che esplicita questa preghiera ritmata di Santeria, e da qui l’idea che ha visto generarsi questo misterioso progetto.

Davide Oryon Giordano

Il noto filmaker Davide Oryon Giordano e l’associazione culturale Millennium 82, si gettano nella mischia e rischiano il tutto per tutto seguendo il loro istinto e la loro creatività. Costruiscono questo videoclip di loro iniziativa e senza alcuna aspettativa, se non quella di confezionare un filmato di buona fattura e originale. Obiettivo colto in pieno, ma sotto certi aspetti «c’è ben più di ciò che vediamo».  Santeria di segreti ne ha molti. Andiamo a conoscerli proprio dalla voce del suo stesso ideatore Davide Oryon, intervistato da me per questa speciale occasione.

Com’è nata la tua passione per il filmaking?
In realtà non è la passione per il filmmaking che è nata in me, ma sono io che sono nato nato con… il filmmaking dentro! Fin dalla piú tenera età ho avuto la possibilità di seguire mio padre (il regista Massimo Giordano, ndr) nei suoi innumerevoli progetti video, come documentari e molto altro. Quindi posso dire che la passione è da sempre con me. Invece lo studio e la gavetta sul campo sono iniziati all’età di 15 anni, 17 anni fa.

Quali sono le tue fonti d’ispirazione ?
A parte mio padre, le mie fonti di ispirazione non sono tante… Da anni prediligo i video musicali, senza ovviamente tralasciare gli altri rami del videomaking come cortometraggi, documentari e tanto altro. Detto questo, non posso non essere ispirato dal grande Mauro Russo o da Fabrizio Conte: li seguo da tanti anni e non mi dispiacerebbe poter lavorare fianco a fianco con i due prima o poi.

Qual è stato il progetto o il momento che ha segnato, lavorativamente parlando, la tua vita?
Ho lavorato diversi anni per Espansione TV, apprendendo e ampliando la mia gavetta all’interno del mondo televisivo. Questa esperienza mi ha dato tanto, insegnandomi a lavorare in team e in simbiosi con tecnicità che prima non conoscevo. Sottolineando questo, e ringraziando il presidente Maurizio Giunco per la fiducia, il momento che ha segnato positivamente la mia vita è stato quando ho lasciato il mondo del lavoro da dipendente. Hai lo stipendio assicurato a fine mese, ma anche poco margine per poter esprimere al massimo la tua arte e passione!

E ora Santeria, questo video molto particolare. Raccontaci la sua storia e quali sono le reazioni che ti aspetti possa ricevere dal pubblico. Quali sono le sue finalità?
ll progetto Santeria è stato un terno al lotto. Fin dagli inizi non sapevamo a che risultati avrebbe portato! Al progetto ha preso parte un team di 30 persone fra scenografi, attori, tecnici, make up artist e altro. La Reel Music Productions ha trovato nella Millennium 82 e in te, presidente Alex, un ottimo partner. Tutti hanno lavorato all’unisono con l’unico scopo di dare valore al video dell’unica canzone dell’album priva dei testi dei due rapper e, quindi, priva della spinta che questo porta. Con il supporto di Alberto Novarese, che ha concesso lo spazio all’interno dei giardini della Saati Group di Appiano Gentile, gli scenografi hanno avuto largo spazio per realizzare ad hoc la location dell’intero video, girato nella notte del 29 aprile. Una volta terminato l’editing, il video è stato presentato ai rapper i quali, entusiasti del lavoro svolto, hanno deciso di utilizzarlo come promozione e di proiettarlo sul palco dei loro concerti.Un risultato del genere è stato frutto del lavoro di tante persone, senza le quali non sarebbe mai stato lo stesso, e della grande pazienza e capacità del produttore esecutivo Floretina Markaj. Sono sicuro che presto coglieremo i frutti dei nostri sacrifici.

Infine, un messaggio importante per tutti coloro che vogliono intraprendere questa passione come lavoro. Quali sono i consigli che daresti a un filmaker emergente?
Per dare consigli e messaggi importanti ci vogliono grandi personalità e capacità e io, sicuramente, sento di avere ancora tanto da imparare. Nonostante questo, dopo 17 anni di continua gavetta, posso dire con certezza che in questo lavoro non c’è mai un unico punto di arrivo o una sola meta, ma che ogni traguardo non è altro che un nuovo punto di partenza. Quindi, a chiunque volesse affrontare questo mestiere dico… forza, coraggio e tanta umiltà!

Ringrazio Davide per la sua disponibilità e ritorno a casa con le mie riflessioni e il risultato di questa piccola intervista. Ho preso parte a questo progetto in prima persona e di freddo, stando in mutande, nudo, ne ho sentito parecchio. Posso però considerarmi estremamente felice del lavoro svolto e del risultato raggiunto che, in questo caso, ripaga di ogni fatica. Il video è piaciuto cosi tanto che gli stessi Gué Pequeno e Marracash hanno espresso il loro consenso e si sono congratulati. A tal punto che lo stesso è stato utilizzato come apertura per alcuni concerti, proiettato prima dell’ingresso dei due artisti sul palco. Santeria ci trasporta in un mondo incantato, fatto di streghe, sortilegi e maledizioni. Ci coinvolge con il suo rito, le sue fiamme e la sua atmosfera suggestiva. Tutto questo racchiuso in un videoclip, un piccolo grande videoclip,  frutto della passione e della creatività di persone che riescono a rendere intensi quei pochi minuti di magia, la magia del cinema.

Una produzione Reel Music Productions in collaborazione con Millennium82
Regia e montaggio: Davide Oryon
Produttore Esecutivo: Florentina Markaj
DOP: Alessandro Di Federico
Assistenti di Produzione: Mara Sanvito, Ornella Chindamo e Fabio Rognoni
Light Design: Marco Melli
Starring: Anna Rodilosso, Alexander Falzaroni e Andrea Canònaco
Produzione Musicale: Dj Shablo
Backstage Fotografico: Chiara Stincone
Make up artist: Barbara De Santis

 

Lascia un commento