Marker, cronaca di un successo annunciato, ma non scontato

marker-cronaca-di-un-successo-annunciato-ma-non-scontato
0 1046

L’avevamo preannunciato: le aspettative sulla serata di Marker sarebbero state soddisfatte. Non solo: sono state addirittura superate. Partenza in sordina, il pubblico di fronte al quale si è trovato Protopapa non era numeroso, ma abbastanza incuriosito.

Protopapa

Pian piano l’affluenza è aumentata, le tante facce note viste all’entrata si sono mischiate a quelle di gente mai vista: è un ottimo segnale, questo, perché dimostra che eventi come quello di ieri coinvolgono tanti oltre i soliti affezionati.


È toccato poi alle guest star della serata: Max Casacci e Ninjia con il loro duo Demonology HiFi hanno dato egregia ed energica dimostrazione di quello che è il loro nuovo progetto. Sopra e sotto il palco la musica vibrava, i suoni ricercati permeavano il teatro e la gente ballava: non è mai stato scontato, nelle altre serate, e non sempre è avvenuto in maniera così diffusa. Ieri sera, invece, al Sociale si è ballato e non solo sui campionamenti dei pezzi dei Subsonica.

Demonology HiFi: Max Casacci e Enrico Ninja Matta

Si è ballato anche con Populous, che ha tenuto alto il ritmo durante il suo dj set e tenuto in pista il pubblico, da almeno due ore ormai numerosissimo in platea e sul palco.

Populous

L’entusiasmo non si è spento nemmeno al termine della serata, che si è conclusa con un’inaspettata mazurka in cui si sono cimentati in tanti (compresa la sottoscritta).

A detta di molti la serata più bella tra tutte quelle di Marker, già ci chiediamo cosa ci proporranno la prossima volta questi bravi ragazzi.

(Foto di Andrea Butti)

Lascia un commento