Letizia Gambi, grande voce jazz a Villa Geno

letizia-gambi-grande-voce-jazz-a-villa-geno
0 1487

È un bel momento per il jazz a Como e a Villa Geno si fanno le cose in grande: venerdì 24 febbraio si esibirà una star internazionale, la cantante Letizia Gambi. Sarà la grande vocalist l’ospite d’onore del trio di Simone Daclon (pianoforte), Antonio Cervellino (contrabbasso) e Filippo Valnegri (batteria). E per lei è un ritorno a casa: nata a Napoli, Letizia è cresciuta in una famiglia di artisti che si è presto trasferita a Como. Ha iniziato il suo percorso artistico come ballerina, si è diplomata come disegnatrice e ha ricevuto riconoscimenti per i suoi quadri, dopo aver esposto le prime opere già a 14 anni. Intanto continua a studiare canto e recitazione: nel 2002 è Anita in West Side story al Teatro Strehler di Milano, balla e recita in diversi progetti teatrali e televisivi, canta in una Big Band e come solista nel Coro Gospel della Civica scuola di jazz e collabora con prestigiosi musicisti del panorama jazz italiano.

Nel 2009 incontra il leggendario Lenny White. Lui è un batterista dal curriculum impressionante: basti dire che lo ritroviamo alla corte di Miles Davis per Bitches brew, a quella di Freddie Hubbard per un altro capolavoro, Red clay, e, soprattutto, nei Return to Forever di Chick Corea. White rimane letteralmente folgorato dal talento di questa ragazza e produce il suo esordio discografico, Introducing Letizia Gambi chiamando a raccolta una schiera di amici altolocati (tra gli altri Ron Carter, Gato Barbieri e lo stesso Corea), cui ha fatto seguito l’eccellente Blue monday.

Anche in Italia viene accompagnata sempre dai migliori musicisti. E dire che la sua bella carriera ha anche rischiato di essere compromessa per sempre. Prima di incontrare White, infatti, Letizia ha perso l’udito dall’orecchio destro. È arrivata a valutare la possibilità di lasciarsi la musica alle spalle, ma è stato proprio questo problema, invece, a motivarla e a farle trovare la forza per proseguire il suo cammino. «Attraverso la mia esperienza – racconta – vorrei dare un esempio e un messaggio positivo a tutti coloro che trovano degli ostacoli lungo il cammino: non rinunciate ai vostri sogni! Oggi posso dire di aver ricevuto persino i complimenti di Sting in persona, Ron Carter è felice di suonare con me ogni volta che è disponibile, non potrei chiedere di più e sono fiera di tutto ciò che sono». E venerdì alle 22 sarà sicuramente felicissimo anche il pubblico che la ascolterà. Entrata libera con aperitivo a buffet dalle 19.30. Per prenotazioni tavoli (solo per cena bistrot) chiamare il 3487124659 oppure lo 031301414.

Lascia un commento