La sagra della primavera per la prima del Lac

la-sagra-della-primavera-per-la-prima-del-lac
0 377

LuganoMusica è pronta a far risuonare per il secondo anno il Lac. La Sagra della primavera di Igor Stravinskij con Charles Dutoit alla testa della Royal Philharmonic Orchestra in Sala Teatro si collegherà al cartellone dell’edizione inaugurale dello scorso anno proseguendo il ciclo pluriennale stravinskiano e rinnovando al pubblico di tutto il territorio insubrico i grandi obiettivi annunciati con l’apertura del complesso artistico luganese: offrire un punto di riferimento concertistico di rilievo europeo al pubblico elvetico, italiano e più in generale internazionale. A ulteriore riprova, LuganoMusica porterà sul palcoscenico giovedì 22 settembre anche uno dei più interessanti pianisti francesi della nuova generazione, Bertrand Chamayou (nella foto in alto), che dialogherà con la Royal Philharmonic nel quinto Concerto di Saint-Saëns. Il programma della serata inaugurale di LuganoMusica 2016 – 2017 si completerà definitivamente con un’incipit affidato alle Danze polovesiane da Il principe Igor’ nell’orchestrazione di Nikolaj Rimskij-Korsakov.

Charles Dutoit dirigerà la prima della stagione del LAC

Charles Dutoit dirigerà la prima della stagione del LAC

Maurizio Pollini

Maurizio Pollini

L’apertura in grande stile della seconda edizione al Lac di LuganoMusica è solo il preludio di un cartellone vasto e variegato che andrà a punteggiare di suoni l’annata del centro di arte e cultura luganese, fra il migliaio di posti dell’avveniristica Sala Teatro e gli spazi alternativi di Teatrostudio e Sala 4. Mercoledì 5 ottobre arriverà Maurizio Pollini con un recital atteso da anni in riva al Ceresio. Passando per la videomusic classica dagli archivi Rsi su Hermann Scherchen (venerdì 14 alle 18.30 in Sala4), la serata da Sweelinck a Kurtàg e Messiaen passando per Chopin del pianista Pierre-Laurent Aimard (martedì 18) e l’intera giornata di sabato 22 dedicata al compositore Henry Dutilleux in TeatroStudio, il mese di ottobre al Lac si concluderà con il sospirato arrivo a Lugano dell’opera lirica: martedì 25, Gianandrea Noseda alla guida di coro e orchestra del Teatro Regio di Torino porterà la Bohème di Giacomo Puccini con la Mimì di Irina Lungu, il Rodolfo di Giorgio Berrugi, la Musetta di Kelebogile Besong, il Marcello di Simone Piazzolla e lo Schaunard di Simone Del Savio. La versione in forma di concerto non deluda i melomani: l’avventura del LAC, con le sue legittime e alte ambizioni artistiche, il percorso (non facile, anche in terra elvetica, per arrivare all’inaugurazione e alla gestione dell’avveniristico complesso d’arte e cultura modernamente aggettato sul lago che ancora oggi fa discutere fra progetti, speranze e prudenti timori im questi momenti difficili per l’arte anche oltre i nostri confini), è solo all’inizio. A novembre, arrivano Jurij Temirkanov e la Filarmonica di San Pietroburgo, per Natale Ton Koopman e l’Amsterdam Baroque Orchestra e Choir con le Cantate di Bach.

Ton Koopman dirigerà l’Amsterdam Baroque Orchestra e Choir

Ton Koopman dirigerà l’Amsterdam Baroque Orchestra e Choir

I biglietti al Lac hanno un costo fra i 25 e i 120 euro per le serate in Sala Teatro, acquistabili in prevendita presso la biglietteria del Lac, online su www.luganomusica.ch ; il botteghino è aperto martedì e mercoledì dalle 10.30 alle 18.30, dal giovedì al sabato dalle 10.30 alle 20, la domenica: dalle 10.30 alle 18.30 e nelle sere dei concerti fino all’orario d’inizio dello spettacolo.

Lascia un commento