La Camera con musica della Casa del diavolo, al Sociale

il-teatro-sociale-presenta-la-sua-stagione-junior
0 317

La casa del diavolo riporta l’appuntamento con la musica da camera in Sala Bianca. Il ridotto del Teatro Sociale riprende la propria ormai tradizionale locandina Camera con musica presentando alle 11, con ingresso libero, un diabolico duo di grande levatura che promette di stupire il pubblico all’insegna del 6-700 italiano suonato con strumenti originali. Enrico Gatti con il violino dell’olandese Cornelis Kleynman del 1660 circa e una copia moderna e Giovanni Togni, che si alternerà fra le tastiere del clavicembalo francese e del fortepiano, suoneranno la Sonata op.V n.7 in re minore per violino e cimbalo di Arcangelo Corelli, le Variazioni sulla prima parte della Sarabanda della Sonata op. V n. 7 di Corelli di Francesco Geminiani, la Sonata accademica op. II n. 8 in mi minore per violino e basso di Francesco Maria Veracini, la Sonata op. III n. 6 in re maggiore per cembalo e violino di Felice Giardini, una Sonata in la maggiore di Carl Philipp Emanuel per coronare il tutto con la Sonata op. V n. 4 in re maggiore La casa del diavolo di Luigi Boccherini. Come dire: un ampio excursus sull’evoluzione stilistica della musica di quasi due secoli fondamentali per la cultura europea, con l’evoluzione tecnica ed espressiva dello strumento a tastiera a far da guida e dimostrazione di affetti. Il matinée, promosso in collaborazione con il Conservatorio di Como, porta due musicisti che hanno solcato i più grandi palcoscenici italiani ed esteri .

http://www.bertinoromusica.it/wp-content/imgdocenti/Enrico_GAtti_Q.jpgGatti, oggi cittadino onorario di quella Fusignano patria di Arcangelo Corelli (del quale il violinista ha riscoperto inediti ed è stato presidente del Comitato scientifico per il congresso internazionale di musicologia Arcomelo 2013) suona in tutto il mondo il repertorio barocco con strumenti coevi, collaborando con in più grandi gruppi specialistici con direttori come Gustav Leonhardt e Toni Koopman. È professore al Conservatorio Reale de L’Aia e presso il Conservatorio Martini di Bologna, svolge attività di ricerca sul patrimonio musicale italiano, ed è stato direttore artistico dei corsi internazionali di Urbino.

Giovanni Togni webTogni, docente di clavicembalo e tastiere storiche presso i Conservatori di Cagliari, Milano e ora al Verdi di Como, ha iniziato la conoscenza dei pianoforti storici frequentando l’insegnamento di Laura Alvini per poi suonare in prestigiosi festival italiani ed europei di musica antica e di musica da camera sia come solista sia in varie formazioni al clavicembalo e al fortepiano.

Lascia un commento