Jaime Dolce omaggia Hendrix a Cantù

jamie-dolce-omaggia-hendrix-a-cantu
0 365

Gli amanti del blues lo considerano un eccellente chitarrista di stampo hendrixiano, ma non privo di spunti originali che spazia attraverso le differenti sfumature della black music. Ma Jaime Dolce, americano di chiare origini italiane, è anche nel cuore dei fan di Davide Van De Sfroos: ha, infatti, suonato nella band del cantautore lariano ai tempi del tour Vadalvia’l blues, portando uno spruzzo di musica del diavolo nelle ballate laghée. Sabato 26 novembre Dolce è di scena All’Unaetrentacinquecirca di via Papa Giovanni XXIII 7 a Cantù: il locale che lo fece scoprire agli italiani più di quindici anni fa. E son più di vent’anni che Jamie è “on the road”, come chitarrista della Mason Casey Blues Band, prima, alla guida dei suoi Innersole in seguito. Con questi ultimi ha esordito discograficamente con il sanguigno Purple blues. In Italia non ha trovato solo le sue origini, ma anche una nuova band, i Brothers of the Purple Hood con cui si è esibito nei principali locali e nei più importanti festival. Tra le altre medagliette, quella di avere accompagnato leggende come Mick Abrahams, il cuore nero dei celeberrimi Jethro Tull, e Noel Redding, che fu bassista proprio di Hendrix nella Experience. Ed è proprio a Jimi che è consacrata questa performance canturina che vedrà Dolce suonare con Andrea Tiberti al basso e Davide Corradi alla batteria. Ecco un assaggio: la classica Red house.

Lascia un commento