Irina Solinas e Silk Road Ensemble a Lemna

0 452

Dopo la splendida serata della scorsa estate, Irina Solinas è tornata alla Locanda Filomena di Palanzo mercoledì 18 ottobre,. Nota al pubblico come compositrice e violoncellista ma anche per l’esperienza in grandi orchestre e con grandi nomi della musica contemporanea, Irina sarà tra i protagonisti di due momenti frutto di belle collaborazioni. Si è iniziato con una jam session aperta a tutti i musicisti del territorio, per una serata che ha voluto essere uno scambio: tra artisti e professionisti, di esperienze e di culture. Giovedì 19 ottobre si terrà, invece, un concerto pubblico a Lemna con alcuni dei musicisti del Silk Road Ensemble del maestro Yo-Yo Ma, del quale Irina è entrata a far parte ufficialmente come ambasciatrice italiana. Silk Road Project, Inc. è un’organizzazione no – profit nata quasi trent’anni fa, nel 1998, allo scopo di creare e promuovere lo scambio e la collaborazione tra artisti e istituzioni, ponendo al centro delle proprie attività l’aspetto multiculturale. Il nome del progetto non è, ovviamente, casuale, poiché ispirato alla ricchezza di tradizioni che, lungo l’antica via della Seta, si potevano incontrare. Il Silk Road Ensemble è l’orchestra che fa parte del gruppo ed è connotata da una composizione variabile: si tratta infatti di un collettivo di musicisti, compositori, arrangiatori, artisti e storytellers, rappresentanti di decine di nazionalità.

Silk Road Ensemble

Alcuni di loro – grandi nomi della musica – si esibiranno nel concerto di domani sera: Baturay Yarkın, pianista, compositore e arrangiatore, selezionato a sei anni dal dipartimento di Pianoforte della Università di Istanbul, che a sedici anni ha iniziato la sua carriera concertistica nello Yarkın Turkish Rhythm Group in spettacoli nazionali e internazionali; il suo è un repertorio musicale molto ampio, che spazia dalla musica tradizionale al pop, jazz e tango. Grande interesse per la musica cross-culturale è anche quello di Cheong Li, erhu player e compositore: diploma all’Università Cinese di Hong Kong e Master in composizione musicale, completa la sua formazione con dottorato in composizione del 2014. Oggi vive a Lisbona dove collabora con il Lost Collective sviluppando temi che combinano composizione e improvvisazione musicale. Con loro anche Nağme Yarkin e Danny Mekonnen: la prima suona il classical kemençe da quando ha undici anni, moltissimi sono i lavori eseguiti insieme al fratello Butaray come Yarkin Duo; il secondo è un grande sassofonista Etiope-Americano, fondatore e leader della Debo Band; ha studiato e condiviso il palcoscenico con artisti di tutto il mondo e a Lemna lo farà di nuovo.

Sarà poi la volta del Teatro Parenti di Milano, dove verranno proposti, venerdì 20 e sabato 21 ottobre, numerosi workshop e il concerto conclusivo di domenica 22 ottobre alle 18 e alle 19, in due parti intervallate da un incontro pubblico con i musicisti.

Lascia un commento