È Fagottissimo al San Teodoro

e-fagottissimo-al-san-teodoro
0 634

L’eco del concorso pianistico riverbera mercoledì 10 sul Maggio della grande musica a Cantù 2017 con Fagottissimo. L’assessorato alla cultura comunale canturino, convinto che la ricchezza data dalla competizione andasse valorizzata arricchendo l’offerta, prosegue con il proprio festival all’insegna del passaggio di testimone fra l’orchestra di Bacau e il repertorio cameristico. Alle 21 al Teatro San Teodoro George Hariton, Mihail Timofti, Mihail Gavril e Pavel Ionescu divertiranno e commuoveranno con la loro formazione assolutamente originale. Incontrare un quartetto di fagotti è cosa assai rara: i quattro musicisti dell’Est europeo, che gravitano attorno alla filarmonica di Bacau che i comaschi ben conoscono, sono attivi da un ventennio per esplorare la straordinaria varietà di colori e timbri del loro strumento, usato dai compositori di almeno tre secoli per punteggiare le partiture ora con l’ironia, ora con l’umorismo, ora con il lirismo del fratello grave dell’oboe.

http://www.teatrosanteodoro.it/nuovo/wp-content/uploads/2017/03/Fagottissimo_quartetto-1-300x193.jpgA Cantù i quattro di Fagottissimo partiranno da un Quartetto del barocco Telemann e dall’arrangiamento di Burford del Preludio dell’atto primo della Traviata di Verdi per arrivare al Vals di Miles, Tango di Norris o al Tango & Co. di Helga Warner-Buhlmann, alle Suites originali di Julius Weissenborn e Geoffrey Hartley e alle tinte jazzistiche di A portrait di George Gershwin.
Nel 1999, anno della propria fondazione, Fagottissimo era composto da da tre fagottisti della Filarmonica Mihail Jora di Bacau, George Hariton, Mihail Timofti, Costica Marcut e Pavel Ionescu, insieme a George Hariton, primo fagotto della Filarmonica Moldova di Iasi. Dal 2009 il quartetto ha inserito anche il fagottista Mihai Badiu. Il gruppo tiene numerosi concerti in Romania (Iasi, Bacau, Focsani,  Rm.Valcea, Craiova, Piatra Neamt, Constanta) e all’estero (Italia, Francia, Germania, Grecia, Bulgaria, Moldova, Macedonia, Ucraina) partecipando a festival internazionali  e suonando in teatri come Piccolo Regio di Torino, Teatro Zanon di Udine, Palazzo Magnani di Reggio Emilia,  Teatro Megaron di Salonicco. Biglietti da 10 a 8 euro in vendita al botteghino della sala con ingresso fino a esaurimento dei posti disponibili.

Lascia un commento