Davide canta la Milano di Nanni Svampa

0 730

«Ciao Nanni, mito dell’adolescenza e compagno di avventure», aveva scritto Davide Van De Sfroos sulla sua pagina Facebook appena appresa la notizia della scomparsa del grande artista lombardo. «Svampa e I Gufi hanno fatto presto breccia nel Davide bambino – aveva raccontato – e quando ho iniziato a scrivere canzoni lui era un grande punto di riferimento. Poi l’ho incontrato e abbiamo avuto modo di fare tante cose assieme. Ho considerato un grandissimo onore quando si è spinto fino a casa mia perché voleva a tutti costi inserirmi in un film che stava preparando sulla sua storia. Per me è stato come se volesse passarmi un testimone. Le ultime occasioni sono state davvero speciali, con la tappa milanese dell’Expo tour e, poi, con il gran finale proprio nella grande fiera di Rho: ebbe due autentiche ovazioni e io ero davvero contento per lui, perché tutto quell’affetto se lo è strameritato nel corso degli anni. Lui dava tutto al pubblico, anche negli ultimi tempi, quando accusava qualche problema di salute, gli bastava arrivare sul palco, al microfono, per dimenticare ogni problema e fare il suo spettacolo». Van De Sfroos è tornato a esibirsi nell’area ex Expo ieri sera e sarebbe stata un’ottima occasione per una dedica: «Mi piacerebbe, sì, vorrei dedicargli il concerto». Detto fatto ecco il toccante omaggio del poeta di Mezzegra all’uomo che, tra i primi, ha valorizzato il dialetto, ha riscoperto il canto tradizionale nei preziosi volumi della Milanese e ha saputo confrontarsi anche con chi, come Davide, ne ha seguito le orme. Il brano prescelto? Come si vede nel video, realizzato da Manuela Colombari Van De Sfroos ne prova un po’ prima di soffermarsi su Porta Romana bella, anzi, Porta Rumana, come scriveva, più correttamente, Svampa.

(Foto di Giulianocauboi64)

Lascia un commento