Il ritorno di Grant – Lee Phillips

0 765

Dopo il concerto dello scorso anno con Howe Gelb, Grant – Lee Phillips torna a esibirsi a Cantù il 18 aprile presentando l’album The narrows. Autore di ballate emozionanti cantate con voce struggente, ha guidato la cult band Grant Lee Buffalo per tutti gli anni Novanta. Nel 1995 il magazine Rolling Stone lo ha votato miglior voce maschile dell’anno.

Le doti di polistrumentista di Phillips sono evidenti nei suoi album solistici dove suona chitarre acustiche ed elettriche, basso, banjo, mandolino, armonica, batteria, pianoforte e sintetizzatori. Dopo l’esperienza con i Grant Lee Buffalo, che si conclude all’inizio del 1999, Grant-Lee prosegue da solo. Il primo disco, Ladies love oracle precorre i tempi, con la vendita affidata unicamente alla rete. A questo primo lavoro seguono Mobilize nel 2001, in cui suona quasi tutti gli strumenti, e Virginia creeper che ha un’anima più folk. Nel 2006 Grant-Lee propone un’inattesa raccolta di cover degli anni Ottanta, intitolata semplicemente Nineteeneighties con pezzi di alcuni degli artisti di riferimento di quegli anni (New Order, Joy Division, Echo & the Bunnymen, Psychedelic Furs, Church, Nick Cave, Pixies e Cure). Nel 2007 ha pubblicato Strangelet con forti richiami alle sonorità dei Grant Lee Buffalo e a cui ha partecipato anche Peter Buck, chitarrista dei R.E.M. Secondo i critici è Little moon, del 2009, il suo migliore lavoro da solista. Nel 2012 esce Walking in the green corn seguito ora da The narrows.

In apertura un altro artista tutto da scoprire. È Conny Ochs, un musicista tedesco sulle scene da dieci anni. Dopo avere suonato come solista e aver fatto parte di diversi gruppi, si è fatto notare grazie alla collaborazione con Scott Wino Weinrich nell’album Heavy kingdom. Un disco, appunto, dalle tinte heavy, ma la musica di Ochs si può definire dark folk. Il suo nuovo disco, Black happy, è esplicito in questo senso fin dal titolo. Se nel Nord Europa Conny è un artista con un suo seguito affezionato, ora scende in Italia per farsi conoscere.

Lascia un commento