Carducci: concerti, cultura e spazio ai giovani

carducci-concerti-cultura-e-spazio-ai-giovani
0 462

Primo segno concreto di una continuità che molti soci e appassionanti di musica comaschi attendevano con una certa apprensione, il cartellone della Stagione concertistica 2016 – 2017 dell’associazione Carducci è ormai pronto a dare l’appuntamento nella storica sede del salone Musa di viale Cavallotti. 114 anni di musica offerta alla città intrecciando tradizione e contemporaneità sono un traguardo che non può lasciare indifferenti i comaschi, che torneranno a trovare – in quella che è, a tutti gli effetti, “la” sala da concerti della città – i concerti solistici e cameristici, l’attenzione ai giovani promettenti e un rinnovato occhio di riguardo a una destinazione istruttiva, modernamente pronta a condurre per mano nel comprendere i significati della musica, oltre che ad emozionarsi.
L’appuntamento con la serata inaugurale è per giovedì 20 ottobre alle 20.30 con una serata di musica e parola: il suono raffinato del clarinetto di Marco Fusi contrappunterà con l’analisi acuta dell’oggi di un personaggio come Antonio Lubrano nello spettacolo dal titolo Il favoliere.

Giovedì 10 novembre inizierà un viaggio alle radici delle epoche del Carducci con la musica di Giovanni Sgambati nel concerto Nonetto. La bellezza dimenticata proposto dall’Ensemble Nuova Cameristica con il violinista Umberto Oliveti. Domenica 4 dicembre alle 18 il Carducci condividerà con la locandina Kammermusik di Casa della Musica un concerto del giovane duo violoncello e pianoforte di Luca Fiorentini e Jakub Tchorzewski, che propone musiche di Vivaldi/Dallapiccola, Debussy e Grieg.

Bianca Tognocchi

Bianca Tognocchi

Da ricordare anche che il 10 dicembre scade il termine per la presentazione delle candidature Premio Maria e Franz Terraneo al miglior diplomato musicista di scuola comasca dell’anno: concerto premio per la consegna della medaglia d’oro in primavera. Gennaio tornerà ad essere il mese del Mascioni del Salone Musa con un Novecento per tromba e organo interpretato dall’affermato Mario Mariotti e Fabio Nava alla tastiera. La primavera musicale 2017 del Carducci porterà Le chant du printemps con il flautista Mattia Petrilli, prima parte dell’Orchestra Mozart, e il soprano Bianca Tognocchi, freschezze comasche ormai affermate, più Paolo Troian al pianoforte per le pagine liriche di Saint-Saëns, Debussy, Ravel, Delibes e Boulanger. Dopo essersi unito al Teatro Sociale per l’appuntamento con il violinista Sergej Krylov, il Carducci tornerà nel salone Musa a godersi Goyescas, la musica di Granados suonata e spiegata dalla pianista Maria Cristina Carini sulle immagini dei quadri di Goya.
Il 4 maggio una particolare Sonata a Kreutzer, musica di Beethoven e Prokofiev sulle letture di Tolstoj da parte del violinista comasco Stefano Sergeant e della pianista giapponese Kazune Semba, ricordando Maria Fonticoli, chiuderà la locandina ufficiale della Stagione: una locandina parallela Carducci Giovani è in dirittura d’arrivo già da ottobre per aprire in modo assiduo il palcoscenico del Carducci alle nuovissime generazioni di musicisti.

Lascia un commento