Cantù si colora di soul con il Songbook trio di SirJo Cocchi

0 831

SirJo, al secolo Sergio Cocchi, è un songwriter, cantante, produttore e tastierista difficile da confinare in un singolo genere musicale. Il suo stile è una miscela assolutamente unica di soul, ballate, groove e impro con sonorità acustiche di sapore vintage interpolate a moderne atmosfere elettriche. Ripercorrendo la sua biografia, si capisce in effetti come SirJo sia un artista eclettico e sempre in movimento. Dal primo album As it used 2B fino all’ultimo lavoro uscito per My Favorite Records – Emi Down, emerge la sua straordinaria capacità di eludere completamente barriere dei generi musicali miscelando tra loro pop, soul, funk, jazz ed elettronica, caratteristica per la quale Davey Ray Moor dei Cousteau lo ha scelto nel 2003 come una delle voci per il progetto Stellar ray – Telepathy registrato in Inghilterra e composto da brani ricchi di atmosfere magiche ed evocative.
Sergio, come musical director, suona e canta con diversi artisti soul e rhythm & blues di Memphis, Chicago, Atlanta e New York nei migliori festival italiani ed europei (tra cui Umbria Jazz e Porretta Soul Festival), oltre a scrivere, produrre e arrangiare melodie per radio e cinema; sono sue infatti molte delle musiche del programma radiofonico Dispenser, in onda su Radio Due Rai, le colonne sonore dei film Anime veloci e Sogno il mondo di venerdì di Pasquale Marrazzo ed è stato, per due stagioni, il lead vocalist e tastierista della house band nel programma televisivo Zelig.

Sabato 4 febbraio, accompagnato dal giovane e talentuoso drummer mediterraneo Fiore Flower Garcea (Alan Sorrenti, Ronnie Jones, Dave Howard), dal bassista Lucio Enrico Fasino (Tiziano Ferro, Emma Marrone, Ron) e, per l’occasione, da Andrea Talarico alla chitarra e da Nico Roccamo alla seconda batteria e alle percussioni, SirJo porta sul palco dell’All’Unaetrentacinquecirca di Cantù il suo Songbook trio vol. 1, un album di canzoni inedite e brani famosi completamente riarrangiati, dove si incontrano piano acustico, voce e colori elettronici in un mix avvolgente e carico di energia. Un viaggio che accosta stili e periodi diversi, una miscela di caldi sapori soul e songwriting raffinato, carica di groove e vibranti tessiture orchestrali.

Un live intenso e delicato ed una formazione eccezionale fanno di questa una serata unica e imperdibile, per tutti coloro che amano la musica capace di toccare cuore e anima e che vogliono perdersi tra note sapientemente eseguite. «SirJo sounds like a soulful Elvis Costello on a journey with Bacharach», ha scritto il Rolling Stone Magazine. Venite a scoprire se ha ragione.

Lascia un commento