Canto Italiano, Simone Tomassini vince il premio alla carriera

0 2524

img-20161017-wa0005Domenica 16 ottobre, al Teatro di Milano, si è tenuta la finalissima del Festival musicale Canto Italiano 2016, organizzato da Franco Mignani di Radio Lattemiele e Silvano Guariso di Silvius s.a.s Edizioni Musicali, con il patrocinio di Uncla – Unione nazionale compositori librettisti autori – Sindacato nazionale di categoria, NuovoImaie – Istituto mutualistico artisti interpreti esecutori e Afi – Associazione fonografici italiani. In gara, i dieci finalisti del concorso si sono esibiti, con brani inediti e canzoni celebri appartenenti al nostro panorama artistico, alla presenza di una giuria di qualità composta da autori, compositori e altri artisti di fama nazionale, tra cui Dodi Battaglia, Tullio De Piscopo, Natale Massara, Massimo di Cataldo, Renato Pareti e Pinuccio Pirazzoli. Durante la kermesse, condotta da Federica Torti con ospite Enzo Iacchetti, il rocker comasco Simone Tomassini ha ricevuto il premio alla carriera, per le sue «frasi scritte con l’anima e trasformate in melodia». img-20161017-wa0006

«È stato per me un grande onore e un  enorme privilegio – ha dichiarato Simone – essere ascoltato e premiato da così tanti big della canzone italiana. Ho iniziato a studiare a 10 anni alla Nam, la scuola di Milano dove insegna Tullio, e oggi ricevere da lui questo riconoscimento mi ha reso davvero felice».

Felice come l’album che Simone ha pubblicato nel giugno di quest’anno in versione fisica, dopo l’enorme successo ottenuto da quella digitale, da cui è tratto il terzo singolo Che sorriso che hai, in rotazione radiofonica da venerdì 14 ottobre, una ballad intensa che esalta, attraverso uno dei gesti più naturali e semplici, il sorriso appunto, l’amore per una persona che sia il proprio partner, un’amico, un familiare o un figlio. Tomassini canta l’amore trasversale, che va al di là di qualsiasi pregiudizio, paragonando il sorriso ad un’opera d’arte, o ad una fotografia, un cimelio quindi che rimane nel tempo senza aver bisogno di tante parole se non di quel semplice gesto che racchiude un mondo fatto di infinite espressioni che riguardano proprio l’amore.

Felice è il disco della maturità artistica di Simone, il cui concerto in piazza Cavour del 29 luglio è ancora nei cuori di tantissimi comaschi, accorsi per festeggiare e applaudire un artista che sa guardare al futuro senza dimenticare il passato, che sa reinventarsi rimanendo fedele a sè stesso, che sa emozionarsi e far emozionare. Complimenti, Simone. Hai sempre più motivi per essere Felice.

 

Lascia un commento