Bugo sbarca al Carroponte

0 882

«Hai capito cosa io voglio

Non è certo pasta al pomodoro

Con coerenza e con l’orgoglio

Pasta al burro è il mio oro…»

Così cantava Bugo, al secolo Cristian Bugatti, nella sua Pasta al burro, contenuta nell’album Dal lofai al cisei del 2002. Classe ’73, nato a Rho e cresciuto nel novarese, a vent’anni impara a suonare la batteria, l’armonica a bocca e la chitarra e nel 1994, con il batterista Cristian Dondi e il bassista Guido Pellò fonda i Quaxo, che lascia due anni dopo per dedicarsi alla carriera solistica. Cantautore eccentrico dalle rime allucinate e paradossali, dal 2000 al 2011 pubblica sette dischi, di cui ben cinque con l’etichetta Universal, spaziando musicalmente dal rock distorto all’elettronica, dal garage al folk. Nel Maggio del 2015 esce per la Carosello Records il video del singolo Cosa ne pensi Sergio, contenuto nell’Ep Arrivano i nostri, che anticipa il full lenght Nessuna scala a salire dell’aprile del 2016, un album di dodici tracce in grado di confermare come Bugo sia uno degli artisti più interessanti della scena contemporanea italiana.

Dopo un anno denso di concerti in tutta Italia, Bugo ha ripreso la sua avventura live con una serie di concerti, che lo vedranno esibirsi anche giovedì 7 settembre al Carroponte di Sesto San Giovanni, e nei quali ripercorrerà le canzoni più rappresentative dei suoi 17 anni di carriera solista, dagli esordi fino ai brani più recenti, come la bellissima Nei tuoi sogni, nuovo singolo estratto dal suo ultimo lavoro discografico.

Bugo che è folle, geniale, eclettico, anticonformista e sornione. Bugo a ruota libera, che se la prende con tutti e non ce l’ha con nessuno. Bugo che scherza, s’indigna, sparisce, polemizza ed è sempre, fondamentalmente, fedele a sé stesso. Bugo che merita molto più di un ascolto, Bugo che avercelo è davvero una fortuna. Parola mia.

Ingresso libero. In apertura I Botanici.

 

Lascia un commento