Bregovic offre champagne balcanico a Villa Arconati

bregovic-offre-champagne-balcanico-a-lugano
0 760

Tornano le irresistibili atmosfere balcaniche create da Goran Bregovic e dalla sua Wedding & Funeral Band, sera in scena venerdì 22 luglio alle 21 al Festival di Villa Arconati. Il tour è quello rodato e applauditissimo di Champagne for gypsies, il suo album più recente e costellato da una invidiabile serie di collaborazioni eccellenti. Ad accompagnarlo dal vivo, in uno spettacolo che trascina tutti inevitabilmente alla danza più sfrenata, la Gypsy Brass Band: Muharem Redzepi (percussioni tradizionali e voce), Bokan Stankovic (tromba), Dragic Velickovic (tromba), Stojan Dimov (sax e clarinetto), Milos Mihajlovic (trombone), Aleksandar Rajkovic (trombone) e le voci bulgare di Ludmila Radkova – Trajkova e Daniela Radkova – Aleksandrova. La ricetta vincente di Bregovic miscela i suoni della cultura Gypsy e quelli della tradizione bulgara con la chitarra rock contaminando il tutto con la genuina e generosa forza d’assieme della festosa e malinconica Wedding and Funeral Band. Nel suo repertorio convivono musiche da matrimonio ebraico e celebrazioni gitane, canti cristiani cattolici e ortodossi insieme ad invocazioni musulmane, un melting pot culturale che unisce e abbatte le distanze attraverso la musica. Bregovic è nato a Sarajevo da padre croato e madre serba, ha fatto parte del gruppo rock Bijelo Dugme, prima di avviarsi alla carriera solista come compositore per le colonne sonore di film di Emir Kusturica: sue sono le musiche di film di risonanza internazionale come Il tempo dei gitani, Arizona dream e Underground.

bersanibregovicNel 2012 il musicista ha partecipato anche al Festival di Sanremo per accompagnare con la sua orchestra Samuele Bersani in una inedita versione di Romagna mia, cantando poi la versione spagnola di Ovo je balkan, ribattezzata Balcañeros. Lo stesso anno è stato nominato maestro concertatore della Notte della taranta. In Champagne for gypsies, pubblicato nel settembre di quell’anno, il musicista balcanico si è avvalso della collaborazione di alcuni artisti affini, duettando con Eugene Hutz dei Gogol Bordello in Quantum utopia e Be that man, e ospitando nomi come Gypsy Kings, Florin Salam, Stéphane Eicher in altre composizioni dell’album. Parallelamente alla sua continua attività concertistica, Bregovic sta ancora lavorando alla stesura della sua opera Orfeo di Bregovic e ad una versione per il cinema e la tv di Karmen with a happy ending. Tra i progetti futuri anche un grande concerto sinfonico con la sua big band. Biglietti a 30 euro.

Lascia un commento