Beethoven.cam al San Teodoro

dal-san-teodoro-parte-il-progetto-beethoven-cam
0 335

Alle 17 di domenica 6 novembre, una nuova intrigante occasione con il repertorio cameristico al Teatro San Teodoro di Cantù per Beethoven.cam. Per la stagione musicale Lontano dai luoghi comuni creata dall’Accademia orchestrale del Lario, saranno ancora protagoniste le Sinfonie di Beethoven in una veste del tutto particolare e inedita. La Quinta e l’Ottava Sinfonia verranno eseguite dall’Ensemble Beethoven.cam di Silvia Tuja (flauto), Laura Riccardi (violino), Elisabetta Soresina (violoncello) e Chiara Nicora (pianoforte) nella trascrizione di Johann Nepomuk Hummel.

Il concerto costituirà la seconda tappa dell’inedito progetto pluriennale di esecuzione integrale delle Sinfonie di Beethoven nella versione per quartetto del grande amico – rivale di Beethoven sostenuto dall’Accademia Orchestrale del Lario, per offrire al pubblico un’esperienza di ascolto diversa e unica del grande patrimonio sinfonico beethoveniano, nello spirito che caratterizzava le esecuzioni di musica da camera dell’epoca secondo prassi esecutive secondo principi filologici. Il progetto ha coinvolto altri palcoscenici e altre sale, dalla Casa museo Lodovico Pogliaghi alla palladiana Villa Caldogno di Vicenza, alla Badia di Ganna e incrocerà nei mesi prossimi la locandina di Camera con musica del Teatro Sociale di Como.

Fra le molteplici trascrizioni che hanno superato le barriere del tempo e sono giunte a noi, Silvia Tuja ha rivolto il suo interesse al lavoro di Hummel, che negli anni di passaggio fra Sette e Ottocento partecipò con Beethoven a esecuzioni di musica da camera con figure quali Zmeskall, Schuppanzigh e Mayseder a casa di Emanuel Aloys Förster. Nella presentazione di Beeethoven.cam, l’Accademia del Lario ricorda la testimonianza di Ferdinand Hiller, allievo di Hummel, che riferisce la conversazione nella quale Hummel confessò come per lui l’arrivo di Beethoven a Vienna rappresentò un momento critico, testimoniato dalle parole «Avrei forse dovuto tentare di seguire le orme di un tale genio? Per un momento non seppi cosa fare, ma poi mi dissi: la cosa migliore è restare fedele a te stesso e alla tua natura». Un passo preliminare a ispirarsi a Beethoven per portare i suoi capolavori alla diffusione cameristica.

L’ingresso al San Teodoro prevede biglietti a da 8 a 6 euro. Informazioni e abbonamenti su www.teatrosanteodoro.it.

Lascia un commento