Archi all’alba, arpe al tramonto: magie del Festival Como città della musica

natale-con-la-celtic-harp-orchestra
0 1173

Intorno al Festival dall’alba al tramonto. Domenica 2 luglio sarà una giornata lunga. Alle 5.15 del mattino si rinnova la tradizione del concerto al sorgere del sole, con colazione finale, nella splendida cornice di Villa del Grumello (e viste le pessime condizioni meteo di questi giorni è bene precisare che l’evento si farò comunque, nel caso all’interno della struttura). Ma speriamo proprio che il tempo regga, perché la magia di questo evento ne perderebbe. Estate dopo estate sono sempre di più – incredibilmente, se si vuole, vista l’ora – a raggiungere quella piccola altura per godere della musica in un orario in cui tanti stanno ancora riposando, con il lago sullo sfondo, gli uccellini mattinieri e il sole che fa capolino tra i monti. Protagonista, quest’anno, il violino di Davide Alogna, un’autentica celebrità internazionale che, periodicamente, torna a prestare la sua arte a Como. Proporrà un repertorio adatto a un’Alba sulle quattro corde con l’Adagio dal Concerto in do maggiore per violino e orchestra Hob. VIIa:1 di Franz Joseph Haydn, tre estratti dai Quattro pezzi op. 81 di Felix Mendelssohn, La primavera e L’estate da Le quattro stagioni di Antonio Vivaldi, l’Invierno Porteño dalle Cuatro estaciones Porteñas di Astor Piazzolla e, infine, Introduzione e rondò capriccioso in la minore op. 28 di Camille Saint – Saëns. Con Alogna il Quintetto dell’Orchestra da Camera di Mantova con Luca Braga (violino), Pierantonio Cazzulani (violino), Klaus Manfrini (viola), Paolo Perucchetti (violoncello) e Massimiliano Rizzoli (contrabbasso).

Davide Alogna

Al tramonto, sempre domani alle 19.30, sarà il Monumento ai Caduti a fare da sfondo a una performance di Fabius Constable & Celtic Harp Orchestra (nella foto in alto) che a brani composti dal direttore aggiungerà pagine di Claude Debussy e Philip Glass. Attivo da quindici anni, questo ensemble non ha bisogno di presentazioni e estrarrà titoli dagli album pubblicati finora con qualche inedito. In questo caso se dovesse piovere sarebbe il Teatro Sociale stesso ad accogliere gli scampoli, bagnati, di Intorno al Festival Como città della musica. Entrambi gli eventi sono gratuiti.

Lascia un commento