Quinta fiera del disco, cd & dvd usato e da collezione a Mariano Comense

terza-fiera-del-disco-cd-dvd-usato-e-da-collezione-a-mariano-comense
0 1020

È giunta alla quinta edizione la Fiera del disco di Mariano Comense che si svolgerà domenica 6 novembre nei locali del Circolo, in via d’Adda: la sede di tanti concerti si trasforma, per un giorno, in una grande esposizione dove acquistare, vendere o scambiare dischi in vinile, compact disc, cd, libri, dvd, oggettistica musicale, aperta a tutti (l’ingresso è libero).

vinyl_records_battered_103017_3840x2160

Il vinile è morto? Così era sembrato negli anni Novanta, quando il caro vecchio 33 giri divenne merce rara, reso obsoleto dal più pratico, ma asettico cd. Restava un pugno di appassionati che si dava appuntamento alle fiere mercato, quasi un culto esoterico per iniziati pronti a sborsare cifre da capogiro inseguendo le rarità più estreme, da un album giapponese dei Beatles fino alla più oscura incisione di una band messicana di cui perfino gli stessi musicisti si erano dimenticati. Ma i tempi sono cambiati: oggi le fiere attirano un pubblico numeroso e di tutte le età che prende d’assalto gli stand. E i rivenditori, spesso, sono a loro volta grandi appassionati e collezionisti che hanno deciso di mettere sul mercato i loro pezzi più pregiati. È il caso di Francesco Mormile, per tutti semplicemente Morra, già batterista dei leggendari Erode. Ci crede così tanto che ha realizzato il sogno suo e di tanti altri vinilomani aprendo a Como un negozio specializzato in ellepì (ma anche 45 giri, e.p. e tutti quei supporti fonografici tornati prepotentemente all’attenzione del pubblico). Alta fedeltà Como, un nome ispirato al romanzo di Nic Hornby, in poco tempo è diventato un punto di riferimento. «Ho clienti che arrivano da ogni parte – racconta – tanti mi ringraziano perché era tempo che cercavano un luogo dove poter trovare dei vinili, ma anche per parlare, confrontarsi».

Alla fiera di Mariano il suo è solo uno dei banchetti da cui occhieggiano vere e proprie perle. I nomi più ricercati sono quelli classici: Beatles e Rolling Stones, Pink Floyd e Queen, ma anche Nirvana e Soundgarden: se per artisti di lungo corso si va alla ricerca di edizioni particolari e limitate, stampate magari mezzo secolo fa, sono ricercatissimi anche album realizzati negli anni Novanta, quando di un disco si realizzavano sole poche copie in vinile. Certi generi come il metal e il rock progressivo hanno, poi, un mercato tutto loro. Gli appassionati vanno dal collezionista non più giovanissimo alla coppia di adolescenti alla ricerca di qualche emozione sonora da condividere. E per chi pensa che questo particolare morbo colpisca solo gli uomini, le presenze femminili non non mancano, anzi. Il vinile non è morto: viva il vinile.

Lascia un commento