Progetto #YOUthLAB, una stazione di idee

progetto-youthlab-una-stazione-di-idee
0 627

Hai tra i 14 e i 29 anni? Fai parte del territorio erbese? Cosa vuoi trovare o cosa vuoi che succeda nella Stazione di Erba? Dalle idee raccolte verrà avviato un laboratorio di progettazione partecipata su come allestire i locali, pensare il nome e il logo dello spazio, programmare le attività che lo animeranno nei prossimi anni. Uno spazio di oltre 200 mq. nella Stazione di Erba è stato concesso da Ferrovienord in comodato gratuito, per diventare cosa? Lo decideranno i ragazzi e le ragazze che vivono, frequentano e passano per Erba e tutti i comuni che fanno parte del territorio erbese, da Anzano del Parco a Pusiano, da Rezzago a Merone.

La stazione di Erba

#YOUthLAB è il nome del progetto triennale promosso da partner pubblici e privati, rivolto ai giovani dai 14 ai 29 anni del territorio erbese, dedicato alle politiche giovanili e sostenuto da Fondazione Cariplo. Giovedì 22 Giugno nella Sala Consiliare del Comune di Erba alle 20.30 ci sarà la prima presentazione pubblica del progetto e in particolare delle attività collegate al percorso di ristrutturazione della Stazione ferroviaria di Erba: Una stazione di idee. Sarà l’occasione per poter parlare e conoscere gli operatori e i tecnici che seguiranno i laboratori di progettazione partecipata degli spazi dedicati al progetto e ci sarà la possibilità di scrivere in tempo reale la propria idea, proposta e richiesta attraverso i portali interattivi. Nel corso della serata verrà offerto anche un happy hour musicale e verrà distribuito il calendario degli incontri che partiranno nell’ultima settimana di giugno. Si può già visitare la pagina web del progetto #YOUthLAB e portare «la tua idea per la stazione di Erba»: www.progettoyouthlab.it.
Perché la stazione di Erba?
La stazione è nota alle cronache per essere un luogo dove devianza e malessere persistono e gravitano attorno agli spazi dove i giovani sono soliti recarsi per prendere il pulman o il treno. Un luogo che dovrebbe essere un crocevia di risorse, di idee e di esperienze viene vissuto come poco sicuro e a volte pericoloso. Riqualificare uno spazio non significa nascondere o spostare quello che non va bene o che viene percepito come “brutto”, ma significa rendere un posto accogliente, bello, solare, pieno di vita e di proposte, fare in modo che la mentalità cambi, fare in modo che “andare in stazione” non sia più etichettata come un’azione negativa ma “vado in stazione perché c’è un bel posto” dove succedono cose, dove i giovani possono trovare un punto di incontro e di confronto, tra di loro e anche con il mondo adulto. Questo è quello che, detta in soldoni, il progetto #YOUthLAB vuole fare per la Stazione di Erba e che deve essere solo un primo esempio di come sia possibile riqualificare uno spazio pubblico o privato, facendo nascere nel corso del progetto nuovi spazi, non solo nel comune di erba anche in altri dei 26 comuni del territorio erbese che aderiscono al Piano di Zona erbese: Albavilla, Alserio, Alzate Brianza, Anzano del Parco, Asso, Barni, Brenna, Caglio, Canzo, Caslino d’Erba, Castelmarte, Erba, Eupilio, Lambrugo, Lasnigo, Longone al Segrino, Magreglio, Merone, Monguzzo, Orsenigo, Ponte Lambro, Proserpio, Pusiano, Rezzago, Sormano e Valbrona.
Di cosa parla #YOUthLAB? Da chi è promosso?
#YOUthLAB è un progetto che vuole coinvolgere i giovani che vivono o frequentano il territorio erbese nella progettazione e nello sviluppo delle politiche giovanili. Interesserà il territorio erbese per i prossimi 3 anni in un processo che ha come obiettivo quello di ripensare e riprogettare le politiche giovanili locali partendo dagli stessi ragazzi e ragazze che saranno attori e fruitori, destinatari e protagonisti del progetto, coinvolgendo anche la comunità adulta intesa come rappresentanti politici, imprese, organizzazioni, istituzioni e singoli cittadini.
È stato possibile realizzare il progetto grazie al contributo di Fondazione Cariplo avendo partecipato al bando Welfare di Comunità e Innovazione Sociale, giunto alla terza edizione. Il partenariato che si è costituito è composto da: Consorzio Concerto (ente Capofila), Consorzio Erbese Servizi alla persona, il Comune di Erba, P.I.C.F.I.C.- Villa Padre Monti; con la partecipazione attiva della Banca di Credito Cooperativo dell’Alta Brianza. Partecipano, inoltre, al progetto Ferrovienord, con la concessione in comodato d’uso della Stazione di Erba, e il Centro di ricerca Relational Social Work Università Cattolica di Milano per il supporto scientifico.
Quali attività sono previste?
Il progetto si attiverà su cinque azioni principali: Laboratori di comunità, partendo dallo sviluppo di comunità per poter ingaggiare e coinvolgere il mondo adulto sul tema delle politiche giovanili, che spesso, viene percepito come non prioritario o poco importante; Comunicazione e sensibilizzazione saranno alla base del progetto, per farlo conoscere a più persone possibili, per stimolare nuove riflessioni, per attivarsi in nuovi processi di progettazione, per vivere meglio il proprio territorio. Oltre a questo sarà necessario lavorare sulla Governance per introdurre un nuovo metodo, un nuovo modo di potersi approcciare al welfare locale nella decisione di strategie e scelte di pianificazione tra pubblico e privato con il diretto coinvolgimento dei giovani. Inoltre un ulteriore sfida è quella che il progetto impari a sostenersi autonomamente nel tempo, per questo un’altra azione sarà quella svolta dal processo di Raccolta fondi e dal reclutamento dei volontari, da tutti quei sostenitori che vorranno collaborare e partecipare per la sua sostenibilità. Infine una delle azioni che sin da subito vede coinvolti i giovani è quella che riguarda la Stazione di Erba e l’avvio della progettazione parteciata sui locali: uno spazio di oltre 200 mq concesso da Ferrovienord in comodato d’uso gratuito, un contenitore che potrà accogliere e accompagnare lo sviluppo di idee e di progetti di tutti i giovani che vorranno collaborare dedicando il loro tempo, le loro competenze e le loro risorse per lo sviluppo del progetto.

Lascia un commento