Venerdì 6 gennaio

La settimana InCom
0 1243

PAOLO CONTE 80th DAY

Buongiorno,
c’erano due tradizioni che osservavo al dì della befana. Una era andare al cinema di pomeriggio. L’altra constava nella visione del programma di varietà del sabato sera (spostato al 6 gennaio) per coincidere con l’estrazione dei premi della Lotteria Italia il cui biglietto veniva acquistato o in un autogrill in posti che per me esistevano solo come località per gli autogrill medesimi (significativamente Fiorenzuola) oppure dai baracchini di corso Vittorio Emanuele II a Milano, dove venivano venduti da ceffi che parevano sbucati da un racconto di Dickens e che si esprimevano in una lingua esoterica e mysteriosa. Poi la trasmissione con gli interminabili balletti in pantacollant, il classico comico disturbatore (quello che finge di intervenire per caso interrompendo il presentatore che era la formula preferita da Baudo per stare in scena sempre e comunque), il cantante che promuove un 45 giri (non so perché, ma adesso mi riesce di pensare solo a Christian). Quindi per me l’Epifania corrisponde al ricordo di tanti pippibaudi e raffaellecarrà (Carrà, si sa, è difettivo del plurale) mentre non ho mai appeso calze né ci ho mai trovato niente dentro. Poi sarebbe diventato, tradizionalmente, il giorno in cui rileggo I morti di Joyce (prologo all’annuale rilettura dell’Ulisse che tanto affligge chi mi conosce), ambientato proprio il 6 gennaio. Un’abitudine che deriva dalla visione del bel film di John Huston The dead che, m’accorgo ora, è datato 1987. Quindi è una tradizione che compie 30 anni.
http://izquotes.com/quotes-pictures/quote-his-soul-swooned-slowly-as-he-heard-the-snow-falling-faintly-through-the-universe-and-faintly-james-joyce-307255.jpg

Un brano acconcio al festeggiato, per i suoi 80 e per i nostri quasi 50 di emozioni:


GREMLINS ALLO SPAZIO GLORIA
Via Varesina 72, ore 15.30, ingresso a 5 sacchi

Gremlins (Usa, 1984, 111 minuti) di Joe Dante con Phoebe Cates, Keye Luke, Zach Galligan, Hoyt Axton e Frances Lee McCain
Rand Peltzer, inventore, ha trovato un regalo natalizio perfetto per suo figlio Bill: un piccolo mogwai tenero e buffo. Per allevarlo basta rispettare tre regole: non esporlo alla luce del sole, non dargli del cibo dopo la mezzanotte e non dargli mai dell’acqua. Sarà sufficiente che il piccolo Pete infranga inavvertitamente una delle regole perché inizi la trasformazione da docili cuccioli a temibili gremlins.
NdA: dalle 14 alle 20 giochi, merenda e aperitivo. Verranno anche estratti i premi della lotteria di Xanadù…
http://www.spaziogloria.com/


LE PRIME VISIONI DEL CINEMA ASTRA
Viale Giulio Cesare 3, ore 15.30 e 21, biglietti a 7 sacchi
Il cliente (Iran / Francia, 2016, 124 minuti) di Asghar Farhadi con Shahab Hosseini, Taraneh Alidoosti, Babak Karimi, Farid Sajadi Hosseini e Mina Sadati

Emad e Rana sono due coniugi costretti ad abbandonare il proprio appartamento a causa di un cedimento strutturale dell’edificio. Si trovano così a dover cercare una nuova abitazione e vengono aiutati nella ricerca da un collega della compagnia teatrale in cui i due recitano da protagonisti di Morte di un commesso viaggiatore di Arthur Miller. La nuova casa era abitata da una donna di non buona reputazione e un giorno Rana, essendo sola, apre la porta (convinta che si tratti del marito) a uno dei clienti della donna il quale la aggredisce. Da quel momento per Emad inizia una ricerca dell’uomo in cui non vuole coinvolgere la polizia.
http://www.cinecircolo.it/


SHIVA’S DREAMS IN CONCERTO
Casa Filomena, via Pangelista 9, Palanzo di Faggeto Lario, ore 18.30

Elisa Roncoroni (voce), Simone Furlanetto (chitarre), Marcello Baldrati (basso) e Mirko Garziera (batteria). Repertorio ampio e pazzo di cover rock (dai Creedence a Bon Jovi passando per i Whitesnake) ampiamente e dolcemente rivisti in chiave acustica vista la magia del luogo.


LE PRIME VISIONI DELLO SPAZIO GLORIA
Via Varesina 72, ore 21, biglietti a 7 sacchi

Paterson (Usa, 2016, 113 minuti) di Jim Jarmusch con Adam Driver, Golshifteh Farahani, Kara Hayward, Sterling Jerins e Jared Gilman
Paterson vive a Paterson, New Jersey, con la moglie Laura e il cane Marvin. Ogni giorno guida l’autobus per le vie della città, ogni sera porta fuori il cane e beve una birra nel pub dell’isolato. Mentre la moglie colleziona progetti fantasiosi e fuori portata, e decora ininterrottamente la loro casa, Paterson appunta umilmente le sue poesie su un taccuino, che porta sempre con sé. Nei suoi versi si fondono la passione per William Carlos Williams, nativo di Paterson, Ginsberg, O’Hara, ma anche il suo orizzonte quotidiano. Proprio il dono di uno sguardo poetico sembra essere ciò che lo eleva da una routine di luoghi e azioni uguali a se stesse e sottilmente angoscianti.
http://www.spaziogloria.com


JAZZ A VILLA GENO
Viale Geno 12, ore 22, ingresso libero

Jazz a Villa Geno: Mauro Brunini Quartet con Zanchi in concerto


SUPERSONIC MANIA NIGHT ALL’UNAETRENTACINQUECIRCA
Via Papa Giovanni XXIII 7, Cantù, ore 22, ingresso a 5 sacchi

Supersonic Mania Night, a Cantù una serata all’insegna del Brit

Lascia un commento