Sabato 18 novembre

La settimana InCom
1 1166

AMANDA LEAR DAY

Buongiorno,
accade che, per fortuita coincidenza, da due lati dell’oceano ci siano due uomini malvagi. Uno se n’è andato ieri, si chiamava Salvatore Riina anche se tutti, perfino i suoi più accesi dispregiatori, si ostinano a chiamarlo simpaticamente Totò, nomignolo che non si meritava come mai si è meritato nulla. Se n’è andato ieri: troppo poco e troppo tardi, come si dice in questi casi. L’altro è l’altrettanto esecrando Charles Manson, anche se tutti negli Usa, perfino i suoi più accesi dispregiatori, si ostinano a chiamarlo simpaticamente Charlie, nomignolo che non si meritava come mai si è meritato nulla. Lui, alle 5.55 ora italiana è ancora da questa parte dell’inferno. I dibattiti che stanno seguondo queste due dipartite sono quanto di più futile abbia mai letto. Ci sono persone di cui il mondo poteva ampiamente fare a meno. Forse anche loro rientravano nel grande ordine delle cose, ma più probabilmente no. Uno è andato, l’altro speriamo si sbrighi, anche se devo confessare che Manson mi dà un’unica soddisfazione (il casi, coinvolgendo Beatles, Beach Boys e Hollywood mi appassiona, per i motivi più sbagliati, da un pezzo): è stato preso, è stato giudicato, è stato condannato a morte, la pena di morte è stata abolita in California, si è preso gli ergastoli, non è mai più uscito dal carcere, ha goduto di tutti i diritti di cui doveva godere, il mondo è stato protetto da lui, senza se e senza ma, come doveva essere, lui ha potuto redimersi, fare quello che voleva e se non lo ha fatto (e non lo ha fatto) è per sua scelta.

Un brano acconcio a un mondo migliore:


8208 LIGHTING DESIGN FESTIVAL
Accademia di belle arti Aldo Galli – Ied Como, via Petrarca 9, dalle 14 alle 18, ingresso libero con registrazione
Serre di Villa del Grumello, via per Cernobbio 11, dalle 21.30, tutto esaurito

8208 Lighting Design Festival, è il turno di Talk e Limen


STAGIONE NOTTE
Teatro Sociale, piazza Verdi 1, ore 20.30, biglietti a 33 sacchi (platea e palchi), 23 sacchi (IV galleria, parapetto), 21 sacchi (V galleria, parapetto), 18 sacchi (IV galleria, ranghi) e 16 sacchi (V galleria, ranghi)

Al Sociale Lo Schiaccianoci più bello


LA BUONA TERRA – GIORNATA NAZIONALE DELLA LOTTA AGLI SPRECHI
Spazio Gloria, via Varesina 72, ore 21, ingresso a 8 sacchi riservato ai tesserati Arci

Show cooking con Bucce allo Spazio Gloria


STAGIONE DEL TEATRO SAN TEODORO
Via Corbetta 7, Cantù, ore 21, biglietti a 10 sacchi

Domo Emigrantes e Arsene Duevi, Aquai al San Teodoro


CANZONI D’AUTORE
Auditorium delle scuole medie, via dell’Arte 1, Grandola ed Uniti, ore 21.15, ingresso libero
http://www.bibazz.it/wp-content/uploads/2017/04/17218332_1883880215189345_7966677571146669630_o.jpg
È un progetto musicale nato da un’idea di Enrico Cantaluppi e Luigi Masciocchi per rileggere alcune tra le più belle canzoni dei cantautori italiani. In repertorio brani di Dalla, De André, De Gregori, Jannacci, Battiato, Conte, Bennato, Ruggeri, Battisti, Ron, e molti altri ancora. Sul palco Enrico Cantaluppi, Silvia Zaccarella e Giulia Cantaluppi (voci), Luigi Masciocchi (pianoforte), Luca Galli (sax soprano), Giusy Colzani (sax contralto), Giorgio Fedeli e Giusi Belluco (violini), Chiara Zabatta e Gaia Leoni (viole), Cecilia Santo (violoncello), Stefano Milia (contrabbasso) e Federico Tappa (percussioni).


LORENZO MONGUZZI ALL’UNAETRENTACINQUECIRCA
Via Papa Giovanni XXIII 7, Cantù, ore 21.30, ingresso a 8 sacchi

Lorenzo Monguzzi e i Sangineto: a Cantù una Portavèrta in chiave folk


TUTTI I FILM AL CINEMA

https://s-media-cache-ak0.pinimg.com/736x/16/27/4b/16274bdf3592367483accc8decdbf167.jpg
Potete trovare tutti i film in programmazione in tutte le sale a questo link:
http://www.laprovinciadicomo.it/cinema/films/

1 commento

Glauco Romagnoli
18 novembre 2017 alle 19:15

Il dibattito sulla morte di RIINA mi lascia stupefatto.
Le stesse persone che tutti i giorni in TV chiedevano pene certe e diminuzione dei vantaggi premiali ora si sono sbracciati a chiedere che TOTO’ potesse morire a casa sua.
Nel rispetto di tutti i diritti umanitari ritengo che hanno fatto bene i giudici a non concedere il rientro in famiglia.
Tutti i famigliari delle sue vittime non hanno ancora finito di scontare l’ergastolo di dolore da lui procurato.
Tutti coloro che muoiono hanno diritto alla pietà ma non tutti hanno diritto al perdono .

Lascia un commento