Sabato 16 luglio

La settimana InCom
0 1014

HUDDIE LEDBETTER DAY

Buongiorno,
è con grande emozione, anche con malcelata soddisfazione, che sono in grado di comunicare il ritorno di Boris! L’ho ritrovato questa mattina, semplicemente guardando in su e lui era lì, al suo posto, in uno spigolo del soffitto subito dopo la finestra del bagno, ove esso tesse la sua tela che tanto mi fa risparmiare in repellenti e moschicidi. Due chiacchiere veloci, come vecchi amici, aggiornamenti. Ha avuto dei figli (2879, dice, ma dopo un po’ chi sta a contarli), ma ha dovuto lasciare la compagna che voleva mangiarlo, insomma… le solite cose. Bello in momenti di tristezza poter contare su amici così che tornano sempre a trovarti.

20160715_173944

Il brano acconcio a Boris per eccellenza (dunque: questo è il motivo per cui si chiama Boris, il telefilm non c’entra per nulla, ci tengo a specificarlo. Il difetto di questo pezzo è che non si sente sui telefonini, per cui chi fosse interessato ad ascoltare le gesta di Boris il ragno deve farlo dal computer):


INCONTRO CON PIETRO BERRA E FRANCESCO OSTI
Biblioteca comunale, via Funicolare 16, ore 17.30, ingresso libero
https://ecoinformazioni.files.wordpress.com/2015/11/cittc3a0-visibile.jpg
La città visibile. Poesie da affrancare (edizioni Lietocolle) di Pietro Berra e Francesco Osti. Due poeti nati negli anni Settanta rileggono il cambiamento dell’Italia attraverso trenta cartoline simboliche, cui si sono ispirati per scrivere altrettante poesie. Osti ha scelto il periodo del boom economico: l’epoca dell’emigrazione dal Sud al Nord e di palazzoni, che oggi non rispondono più al gusto estetico medio, mentre allora venivano riportati sulle cartoline come segno di progresso. Il poeta si è lasciato suggestionare da queste immagini e le ha passate attraverso la lente della sua esperienza e sensibilità. Berra ha optato per un periodo più ampio, dalla Belle époque agli anni Ottanta del Novecento, circoscritto a un microcosmo, Brunate, villaggio di contadini trasformato in piccola Ville Lumière con il sudore degli operai (effigiati sulle cartoline, come quelli che costruivano i grattacieli in America) fino a quando è tramontata la Festa del narciso e “i narcisi sono tornati uomini”. Le pagine del libro si possono staccare e spedire: così il lettore diventa parte della performance poetica.


FESTIVAL DI BELLAGIO E DEL LAGO DI COMO
Cine -Teatro Grigna, via Grèe 6, Civenna di Bellagio, ore 21, ingresso libero
http://www.sodraradakulturhus.se/wp-content/uploads/2016/04/Teresa-Kaban-Henryk-Blazej-Kongsvinger-kino-562x270.jpg
Concerto del duo di Teresa Kaban al pianoforte e Henryk Blazej al flauto. Il programma prevede musiche di Mozart, Albeniz e uno speciale omaggio ai grandi compositori polacchi: Chopin, Dobrzyński e Wieniawski.
http://www.bellagiofestival.com


FESTIVAL COMO CITTÀ DELLA MUSICA
Arena del Teatro Sociale, via Bellini, ore 21.30, biglietti da 20 a 15 sacchi

Evolution Dance Theater: danza e acrobazie in Arena


#COMOSIAMONOI
Spazio Natta, via Natta 18, ore 21, ingresso libero
http://www.ciaocomo.it/photogallery_new/images/2016/07/comosiamonoi-mostra-119320.660x368.jpg
Itaca route: spettacolo frutto del laboratorio teatrale con ragazze e ragazzi italiani e stranieri


LAKE COMO FILM FESTIVAL 2016
Hangar dell’Aero Club Como, viale Masia 44, ore 21.30, ingresso libero

Il Lake Como film festival vola all’Hangar con Miyazaki


VACCA A CANTUGHEDER
Parco di Villa Calvi, via Roma 8, ore 21.30, ingresso a 8 sacchi

Ultimo tango a Cantù per Vacca


UNA VOCE RITROVATA
Associazione Culturale Schola Cajni, via Càino 38, Vercana, ore 20.45, ingresso libero
organo

Récital di Ismaele Gatti (organo) e Carlotta Colombo (soprano).


http://www.vololiberoedizioni.it/wp-content/uploads/2014/12/logoCollana_fuorisacco.jpg


RETTORE AL PARCO TITTONI
Via Lampugnani 6, Desio, ore 21.30, biglietti a 10 sacchi

Rettore: «Emozionata sempre» al Tittoni

Lascia un commento