Martedì 10 gennaio

La settimana InCom
0 1170

MAX ROACH DAY

Buongiorno,
si fa presto a dire Bowie. Non c’è stato un singolo giorno, in questi ultimi 366 bisesti & funesti, che da qualche parte non sia spuntato fuori lo sguardo cangiante di David. L’ho sentito suonare e celebrare da chiunque (e lo risentirò cantare giovedì a Cantù, All’Unaetrentacinquecirca), lo hanno celebrato personaggi che non avrei mai creduto lo apprezzassero. Hanno riproposto film, immagini, scritto libri, fior di articoli (anche io, umilmente, su La Provincia di oggi), ristampato dischi, c’è il musical Lazarus che spero arrivi in Italia, a Lugano si prepara una mostra fotografica.

http://www.davidbowie.com/sites/g/files/g2000002506/f/bowie_playing_festive_bone_480w.jpg

Bene, non ho più parole e quindi, a corredo di quanto ho scritto sul giornale, mi affido a un brano acconcio di Elvis Presley. Perché? Perché è nato nello stesso giorno di Bowie e, per primo, ha cantato una Black star: «Ogni uomo ha una stella nera / una stella nera sopra alla spalla / e quando un uomo vede la sua stella nera / sa che il suo tempo / il suo tempo è arrivato»…


INCONTRO CON ALBERTO CURIONI
Libreria Paoline, viale Battisti 10, ore 18, ingresso libero
http://www.paoline.it/media/k2/items/cache/3f6926ce145b6fd2c270d507ee89d5ef_XL.jpg
Presentazione del libro Guariti dalla misericordia di Alberto Curioni, direttore dell’Ufficio diocesano della pastorale della salute di Lodi, assistente Unitalsi – Lodi. Modera Giovanni Illia, direttore del Servizio pellegrinaggi diocesano di Como, assistente Unitalsi – Como e Sondrio. A partire dal Vangelo, una proposta formativa per le persone che si pongono a servizio del malato, perché possano accompagnarlo nel suo percorso di sofferenza e di rinascita. Prefazione di monsignor Rino Fisichella.


LXIII CINEFORUM
Cinema Astra, viale Giulio Cesare 3, ore 15.30 e 21, ingresso riservato ai soci con tessera

Frantz (Francia, 2016, 113 minuti) di François Ozon con Pierre Niney, Paula Beer, Ernst Stötzner, Marie Gruber e Johann von Bülow
Germania, 1919. Una giovane donna si raccoglie ogni giorno sulla tomba del fidanzato caduto al fronte. La sua routine è rotta dall’incontro con Adrien, soldato francese sopravvissuto all’orrore delle trincee. La presenza silenziosa e commossa del ragazzo colpisce Anna che lo accoglie e solleva di nuovo il suo sguardo sul mondo. Adrien si rivela vecchio amico di Frantz, conosciuto a Parigi e frequentato tra musei e Café. Entrato in seno alla famiglia dell’uomo, diventa proiezione e conforto per i suoi genitori che assecondano la simpatia di Anna per Adrien. Ma il mondo fuori non ha guarito le ferite e si oppone a quel sentimento insorgente. Adrien, schiacciato dal rancore collettivo e da un rimorso che cova nel profondo, si confessa con Anna e rientra in Francia. Spetta a lei decidere cosa fare di quella rivelazione.
http://www.cinecircolo.it/

Lascia un commento