Giovedì 7 dicembre

La settimana InCom
0 351

TOM WAITS DAY

Buongiorno,
il film di fine anno sarà, inevitabilmente, Star wars – Gli ultimi jedi, attesissimo, strombazzatissimo, mirabile soprattutto per come riesce a essere ancora avvolto dal segreto in un’era in cui si sa tutto di tutto in tempo reale, magari confusamente. Bene, cosa regalare a un fan terminale di Guerre stellari o, ancora meglio, a una femmina della specie? La sfortunata Carrie Fisher ha accidentalmente regalato la sua ultima interpretazione proprio al franchising che l’ha resa celeberrima, vestendo ancora una volta i panni amatiodiati della principessa Leia (sì, in Italia è Leila, lo so…). E aveva acconsentito anche a scrivere un libro e qui entra in ballo il consiglio natalizio n. 7. Forse non tutti sanno che Carrie è stata anche un’eccellente autrice letteraria e che, quindi, un suo libro di memorie non è la solita fuffa messa assieme da un’analfabeta con il ghost writer prezzolato di turno. I diari della principessa. Io, Leia e la nostra vita insieme (Fabbri Editore, 254 pagine illustrate, 18 sacchi) è il regalo perfetto per chi ama la saga e ha adorato questa donna dalla vita difficile e dallo spirito indomito che «solo la morte ha portato in collina». La scheda:

Tanto tempo fa, in una galassia lontana lontana, la principessa Leia attraversava lo Spazio vivendo avventure che l’avrebbero resa leggenda… e le avrebbero fatto incontrare l’amore: l’affascinante e insolente Han Solo. Circa quarant’anni fa, proprio qui sulla Terra, la giovanissima Carrie Fisher volava a Londra per girare un film su cui nessuno avrebbe scommesso un soldo: Guerre stellari. Ironica, tagliente e senza peli sulla lingua, in queste pagine Carrie svela se stessa come mai prima: le speranze e le insicurezze di una ragazza che non voleva fare cinema e che invece ne è diventata un’icona indimenticabile, l’origine della ormai mitica pettinatura della principessa Leia, lo shock di trasformarsi improvvisamente in un sex symbol per via di un bikini dorato, la difficoltà di dover convivere per tutta la vita con un personaggio ingombrante… e, per la prima volta in assoluto, la verità dietro la relazione avuta con Harrison Ford. Attraverso le riflessioni disincantate di oggi, foto del set e le pagine dei diari scritti all’epoca, l’attrice si confessa con ironia e un pizzico di sarcasmo, con intelligenza ma anche con nostalgia e amarezza. Un’occasione unica per conoscere la donna dietro al mito, la ragazza che ha prestato il volto alla principessa: Carrie e Leia, per sempre legate, mai dimenticate.

Un brano acconcio a Leia:


NOIR IN FESTIVAL
Teatro Sociale e Sala Bianca, piazza Verdi 1, dalle 15.30, ingresso libero fino a esaurimento posti

Noir in festival, il Chandler a Margaret Atwood


INCONTRI DELL’UNIVERSITÀ POPOLARE
Istituto Carducci, via Cavallotti 7, ore 15.30, ingresso libero

Si conclude il ciclo Aspettando Caravaggio, con l’intervento di Alberto Rovi che terrà la relazione Innovazioni iconografiche e ricadute locali del caravaggismo.


IN VIAGGIO CON LLOYD CON SIMONE TEMPIA
Spazio Libri La Cornice, viale Ospedale 8, Cantù, ore 20.30, ingresso libero

Fareste mai a meno di un amico che sa sempre dire la cosa giusta al momento giusto? Certo che no. È per questo che, quando il Destino ci dà un appuntamento, tutti vorremmo portarci dietro un maggiordomo come Lloyd: immaginario ma di rara concretezza, capace con una sola battuta di fugare i dubbi che assillano il suo sir. Ma che fare se il Destino ci convoca all’improvviso e non abbiamo il tempo di invitare il nostro Lloyd? Poco male, suggerisce Simone Tempia in questo romanzo: un maggiordomo immaginario può parlare attraverso lettere, telegrammi, telefonate e messaggi nella bottiglia. Perché se è vero che alcuni viaggi vanno fatti da soli, è altrettanto vero che non si può partire senza mettere in valigia l’indispensabile. E per sir e i suoi tanti lettori le parole di Lloyd sono un bagaglio di cui non si può fare a meno.
https://spaziolibrilacornice.wordpress.com/


JOELMA SUL CONFINE
Sul Confine, via Alla Torre, Cavallasca, ore 21, ingresso libero

JoelMa è un songwriter originario della (st)ridente brianza. Inizia a suonare la chitarra elettrica all’età di 15 anni e solo molto dopo si innamora, grazie a Bob Dylan, della chitarra acustica. Successivamente, ispirato da grandi come Jon Gomm e Andy Mckee, si lancia nell’esibizione solista accompagnando a suoni folk-blues una voce rock.


LET IT JAZZ
Mila Yacht Club, viale Puecher 7, ore 21.30, ingresso a 10 sacchi

Pasqua – De Sensi – Di Tullio Trio per Let it jazz


MON JARDIN ALL’UNAETRENTACINQUECIRCA
Via Papa Giovanni XXIII 7, ore 22, ingresso libero

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Luca Galeazzi (basso e voce), Marco Borsani (chitarra), Matteo Cantatore (batteria) e Luca Dalz (tastiere) propongono un repertorio classic rock. Dai Beatles ai Rolling Stones, da David Bowie a Lou Reed a Jimi Hendrix, dai Led Zeppelin a The Doors.
https://www.facebook.com/1e35circa


UPPERFUNK AL JOSHUA BLUES CLUB
Joshua Blues Club, via Cantoniga 11, Albate, ore 22, ingresso libero

Soul, funky, reggae e buone vibrazioni. Sono questi gli elementi esplosivi che gli Upperfunk porteranno sul palco. Nati un anno fa sulle sponde del Lario, sono una formazione composta da quattro elementi, la batteria, con il suo beat dalle atmosfere latine, la voce e la tromba, dalle tinte cuban jazz, il basso motore in levare del gruppo e la chitarra in constante equilibrio tra sonorità funk e blues. Un viaggio dai e verso i quattro punti cardinali del mondo, quello proposto dalla band comasca.


TUTTI I FILM AL CINEMA

https://s-media-cache-ak0.pinimg.com/736x/16/27/4b/16274bdf3592367483accc8decdbf167.jpg

Potete trovare tutti i film in programmazione in tutte le sale a questo link:
http://www.laprovinciadicomo.it/cinema/films/



CESARE MALFATTI IN CONCERTO
Ines Beer-B-Q, strada statale 36 del Lago di Como e dello Spluga 10, Costa Masnaga, ore 21

Le Canzoni perse di Cesare Malfatti

Lascia un commento