Giovedì 22 dicembre

La settimana InCom
0 1141

EDGARD VARÈSE DAY

Buongiorno,
consiglio per i regali natalizi n. 22
Non siamo tornati al 1977, quando la guerrestellarimania imperversava in tutto il mondo, ma poco ci manca. Mentre Rogue one riempie le sale (in pratica è l’episodio 3 e 3/4), mentre Il risveglio della forza è in cima alle vendite di dvd e blu ray, nelle librerie sono arrivati ben 45 titoli correlati alla saga di George Lucas, dal saggio accademico ai volumi da colorare con gli acquerelli e con i pastelli (senza contare quello, delizioso, con le scene salienti dei film recitate dai pupazzi della Lego®). Tra tutta questa massa di carta consiglio un ritorno al classico con l’antologico Star wars. The original trilogy: Una nuova speranza – L’impero colpisce ancora – Il ritorno dello Jedi (Mondadori, 2016, 620 pagine). Si tratta delle novelization dei tre film capostipiti, non mancano di dignità letteraria e, soprattutto, si segnalano per non poche divergenze dai lungometraggi di riferimento. Soprattutto il primo, accreditato a George Lucas in persona (gli altri due sono stati scritti rispettivamente da Donald F. Glut e James Kahn), ma in realtà frutto del lavoro da ghost writer di Alan Dean Foster, autore dedito alla fantascienza, di una certa fama anche in Italia. Ispirato alla sceneggiatura originale del primo film, venne pubblicato prima della proiezione e, quindi, contiene scene che sono state sacrificate in sede di montaggio nonché alcune informazioni preziose su un universo che, allora, nessuno poteva prevedere si sarebbe espanso così tanto. È una lettura godibilissima anche per ragazzi.

L’inevitabile brano acconcio (che son certo di avere già proposto, ma… come si fa a dirgli di no?):


LA CONTA CHE SI CANTA
Teatro Sociale, via Volta 2, Canzo, ore 16, ingresso libero

La conta che si canta di Francesca Marchegiano, con i Sulutumana e Elena Gaffuri
È il racconto dell’incontro tra Nicola, un bambino incontentabile, e nonno Gelo, un vecchio signore con la barba bianca e la camicia da boscaiolo. I toni sono quelli della fiaba e il pubblico può seguire la straordinaria esperienza del bimbo protagonista che, salendo a bordo di una slitta magica, compie un viaggio per conoscere il mondo, con le sue bellezze e il suo dolore. Nicola scoprirà il valore dei piccoli gesti e la magia della condivisione.
http://www.comune.canzo.co.it


IO STO CON ALEPPO
Piazza Verdi, ore 18.30

Como per Aleppo


GALÀ DI NATALE DELLA CELTIC HARP ORCHESTRA
Villa Olmo, via Cantoni 1, ore 21, biglietti a 20 sacchi (ingresso fino a esaurimento dei posti disponibili)

Celtic Harp Orchestra a Villa Olmo


LE PRIME VISIONI DEL CINEMA ASTRA
Viale Giulio Cesare 3, ore 21, biglietti a 7 sacchi

Florence (Gran Bretagna, 2016, 110 minuti) di Stephen Frears con Meryl Streep, Hugh Grant, Simon Helberg, Rebecca Ferguson e Nina Arianda
New York, 1944. Florence Foster Jenkins è una melomane facoltosa che si crede dotata per il canto. Fiaccata da una malattia che cova dietro le perle e nella penombra della sua stanza, Florence decide di perfezionare il suo talento con un maestro compiacente. Perché marito ed entourage hanno deciso di tacitare la sua mediocrità. Cantare per Florence non è un capriccio ma una terapia che le permette di vivere pienamente, ricacciando i fantasmi. Ma quello che doveva essere un trastullo colto per apprendere il repertorio classico, diventa il desiderio incontenibile di trovare un palcoscenico. Maestro e consorte si prestano al gioco e l’accompagnano, uno al piano, l’altro in attesa dietro le quinte, sulle tavole celebri della Carnegie Hall. Nella speranza che il concerto non volga in fiasco.
http://www.cinecircolo.it


LE PRIME VISIONI DELLO SPAZIO GLORIA
Via Varesina 72, ore 21, biglietti a 7 sacchi

Lion – La strada verso casa (Usa / Australia / Gran Bretagna, 2016, 129 minuti) di Garth Davis con Dev Patel, Rooney Mara, Nicole Kidman, David Wenham e Nawazuddin Siddiqui
Nel 1986, il piccolo Saroo di cinque anni, decide, una notte, di seguire il fratello più grande non lontano da casa, nel distretto indiano di Khandwa, per trasportare delle balle di fieno. Non resiste, però, al sonno e si risveglia solo e spaventato. Sale in cerca del fratello su un treno fermo, che parte, però, prima che lui riesca a scendere e percorre così 1600 chilometri, ritrovandosi a Calcutta, senza nessuna conoscenza de bengalese e nessun modo per poter spiegare da dove viene. Dopo una serie di peripezie, finisce in un orfanotrofio e viene adottato da una coppia australiana. Venticinque anni dopo, con l’aiuto di Google Earth e dei suoi ricordi d’infanzia, si mette alla ricerca della sua famiglia.
http://www.spaziogloria.com/


STAGIONE DEL TEATRO SAN TEODORO
Via Corbetta 7, Cantù, ore 21, ingresso libero

La magica notte di Schiaccianoci. Un Natale sulle punte con il professor Fabio Sarterelli. La magia del Natale e del balletto trovano nello Schiaccianoci di Čajkovskij una sintesi perfetta. Ma cosa rende così unica e speciale la musica del grande compositore russo? E chi era quel E. T. A. Hoffmann, quell’uomo dai tanti nomi che ne ha scritto la storia? Fabio Sartorelli insegna storia della musica al Conservatorio di Como e guida all’ascolto dell’opera lirica e del balletto all’Accademia del Teatro alla Scala di Milano. Ha tenuto regolarmente corsi e lezioni per l’Università Bocconi di Milano e l’Università Ca’ Foscari di Venezia. È stato invitato a parlare di opera e balletto dalle maggiori istituzioni italiane e straniere, ha pubblicato testi su Puccini e Verdi ed è da quasi vent’anni direttore artistico di una prestigiosa stagione di concerti.
http://www.teatrosanteodoro.it/

Lascia un commento