Domenica 8 gennaio

La settimana InCom
0 1555

DAVID BOWIE 70th DAY

Buongiorno,
ed eccoci al primo bivio serio del nuovo anno. Che si fa? Si celebrano i 70 anni mancati di Bowie o l’anno dalla morte? Perché questo 2017 sarà costellato di anniversari di quelli che se ne sono andati nel 2016 PIÙ quelli che, ovviamente, spireranno anche nei prossimi 12 mesi. Per il coccodrillificio è un bel problema: quando spirò Bowie ci misi tutto me stesso per inumarlo. Poi venne Glenn Frey e solo a quel punto mi resi conto che a me, personalmente, degli Eagles non è che fregasse molto (tolto Desperado che è un disco che adoro), mapperò mica si poteva non seppellirlo. E poi Paul Kantner dei Jefferson Airplane (con la ciliegina di Signe Toly Anderson, che fu la prima cantante di quella leggendaria band, in seguito oscurata dalla presenza della sostituta Grace Slick), rendendomi conto, una volta di più, che quella band è leggendaria per un numero sempre più esiguo di persone. E via, via, via, via di morto in morto in un percorso arrivato giù giù giù fino a Carrie Fisher e a quel punto, anche solo per un istante, ho pensato: «E se prendessi quello che ho scritto per Bowie e cambiassi solo i nomi e i titoli?»… Ma fu solo un istante.

http://68.media.tumblr.com/6bbec43565f69da1da7df18437147643/tumblr_o0tx7vFsG51t30i0wo2_1280.jpg

Un brano acconcio alla nascita del duca bianco (dopodomani, ovviamente, quello acconcio alla dipartita del duca bianco medesimo):


CAMERA CON MUSICA
Sala Bianca del Teatro Sociale, via Bellini 1, ore 11, ingresso libero

Camera con musica: arrivano gli OttoMani


FINALE DEL CONCORSO ASLICO PER GIOVANI CANTANTI D’EUROPA
Teatro Sociale, piazza Verdi 1, dalle 15.30, ingresso libero

Concorso Aslico: la finale aperta al pubblico


LE PRIME VISIONI DEL CINEMA ASTRA
Viale Giulio Cesare 3, ore 16.20, 18.40 e 21, biglietti a 7 sacchi
Il cliente (Iran / Francia, 2016, 124 minuti) di Asghar Farhadi con Shahab Hosseini, Taraneh Alidoosti, Babak Karimi, Farid Sajadi Hosseini e Mina Sadati

Emad e Rana sono due coniugi costretti ad abbandonare il proprio appartamento a causa di un cedimento strutturale dell’edificio. Si trovano così a dover cercare una nuova abitazione e vengono aiutati nella ricerca da un collega della compagnia teatrale in cui i due recitano da protagonisti di Morte di un commesso viaggiatore di Arthur Miller. La nuova casa era abitata da una donna di non buona reputazione e un giorno Rana, essendo sola, apre la porta (convinta che si tratti del marito) a uno dei clienti della donna il quale la aggredisce. Da quel momento per Emad inizia una ricerca dell’uomo in cui non vuole coinvolgere la polizia.
http://www.cinecircolo.it/


UNO STRADIVARI PER LA GENTE
Chiesa parrocchiale, piazza della Chiesa, Capiago Intimiano, ore 17, ingresso libero

Matteo Fedeli si esibirà, suonando il violino Antonio Stradivari 1730 con Andrea Carcano al pianoforte.


LE PRIME VISIONI DELLO SPAZIO GLORIA
Via Varesina 72, ore 17.30 e 21, biglietti a 7 sacchi

Paterson (Usa, 2016, 113 minuti) di Jim Jarmusch con Adam Driver, Golshifteh Farahani, Kara Hayward, Sterling Jerins e Jared Gilman
Paterson vive a Paterson, New Jersey, con la moglie Laura e il cane Marvin. Ogni giorno guida l’autobus per le vie della città, ogni sera porta fuori il cane e beve una birra nel pub dell’isolato. Mentre la moglie colleziona progetti fantasiosi e fuori portata, e decora ininterrottamente la loro casa, Paterson appunta umilmente le sue poesie su un taccuino, che porta sempre con sé. Nei suoi versi si fondono la passione per William Carlos Williams, nativo di Paterson, Ginsberg, O’Hara, ma anche il suo orizzonte quotidiano. Proprio il dono di uno sguardo poetico sembra essere ciò che lo eleva da una routine di luoghi e azioni uguali a se stesse e sottilmente angoscianti.
http://www.spaziogloria.com


TUTTI GLI ALTRI CINEMA
http://nationaloutdoormedia.com/wp-content/uploads/2011/06/Movies.jpg
http://www.laprovinciadicomo.it/cinema/films/



ORCHESTRA MOZART AL LAC
Lac, piazza Luini 6, Lugano, ore 17, biglietti da 132 a 27.50 franchi isvizzeri

A Lugano la Mozart, l’ultima orchestra di Abbado

Lascia un commento