Domenica 28 agosto

La settimana InCom
0 1354

STERLING MORRISON DAY

PURA RAZZA LARIANA

Buongiorno
dunque, a quanto pare nell’età del bronzo qui sono arrivati i liguri della Cultura di Polada (che è, peraltro, nel bresciano). Poi son giunti i celti della Cultura di Canegrate. Le due culture ne formano una terza, quella di Golasecca che è, quindi, celto – ligure. Poi sono arrivati gli Etruschi. Gli Orobi, invece, sono frutto dell’immigrazione (eh sì) di Galli celtici provenienti da quella che non si chiamava ancora Svizzera. Poi sono arrivati i Romani, solo che essi non erano immigrati, bensì coloni.
E non siamo ancora arrivati a Cesare che, appunto, arriva e aggiunge un’altra gettata di coloni, tra cui un po’ di greci, q.b.
Poi son giunti i Goti e successivamente i Longobardi. Per la gioia del Palio del Baradello, ecco Barbarossa, che aggiunge un altro po’ di sangue alemanno anche perché la città prima era stata distrutta e gli abitanti dispersi (ooops: in pratica quanto detto fin qui potrebbe non contare nulla, quindi, in termini di linee di sangue).
Poi l’occupazione francese, indi gli spagnoli, come dimenticare gli austriaci, di nuovo i francesi con Napoleone, di nuovo gli austriaci con il Lombardo – Veneto, poi successe un ’48.
Da allora qualche guerretta qua e là di cui un paio mondiali con afflussi di altri tedeschi e non solo (oh, io la butto lì: sicuramente meno che altrove, ma secondo me anche qui qualcuno delle truppe alleate ha voluto dare il suo modesto contributo genetico). Poi le migrazioni dal Sud Italia ed eccoci qua: ora siamo (settembre 2015) 84.687, comasco più comasco meno. Secondo l’Istat, l’incidenza della popolazione straniera sul totale dei residenti in provincia di Como è dell’8,2%, tra le più basse della Lombardia.
Sono 143 le cittadinanze straniere presenti in provincia di Como con almeno un individuo. Ah, senza costoro saremmo pure a crescita sotto zero, con un saldo negativo di quasi duemila non nati. Solo l’anno scorso, in compenso, un numero crescente di comaschi si è trasferito all’estero (1.383 individui), superando quello di chi ha deciso di rimpatriare (395): il saldo è negativo per -988 unità.
Al termine di questo Bignami così a volo d’uccello da far sicuramente imbizzarrire qualsiasi storico serio (perdonatemi: è per una giusta causa e sono pure andato fin troppo lungo) una considerazione sorge lubranescamente spontanea: pura razza Lariana? Ma mi faccino il piacere, mi faccino.

Un brano acconcio alle linee di sangue, cantato da…:


FIERA DEL LIBRO
Piazza Cavour, dalle 10 alle 22.30, ingresso libero

Fiera del libro: un’altra settimana di libri e incontri culturali


SPECULA
Broletto, piazza Duomo, ore 11, ingresso libero
BONCINELLI_IL_VIAGGIO

Reading poetico de Il viaggio con l’autore Lodovico Boncinelli, legge Nicoletta Betti Grisoni. Evento collaterale alla mostra Specula del gruppo artistico Animus Anima, che si conclude oggi.


LE PRIME VISIONI DEL CINEMA ASTRA
Viale Giulio Cesare 3, ore 17, 19 e 21, biglietti a 7 sacchi
http://mr.comingsoon.it/imgdb/PrimoPiano/57125_ppl.jpg
Il piano di Maggie – A cosa servono gli uomini (Usa, 2015, 98 minuti) di Rebecca Miller con Greta Gerwig, Julianne Moore, Ethan Hawke, Bill Hader, Maya Rudolph e Travis Fimmel
Maggie, insegnante di arte e management, ha un piano: avere un figlio da sola ma poi incontra John e il bambino lo fanno in due. Tre anni dopo però le cose non sembrano girare nel verso giusto. Antropologo che sogna di scrivere un romanzo di fiction, John ha lasciato per Maggie la moglie, accademica egocentrica da cui ha avuto due figli e con cui mantiene un legame morboso. Disamorata e convinta dell’amore ancora vivo tra i coniugi, Maggie ordisce un secondo piano: rimettere insieme la coppia. Tra ritiri in montagna e appartamenti in città, muove i fili di una vita che vorrebbe senza menzogna ma a cui finisce per mentire.
NdA: un altro segnale della fine della bella stagione, la riapertura dell’Astra (finalmente…)
http://www.cinecircolo.it/


RASSEGNA ORGANISTICA – XXVI EDIZIONE
Chiesa dei SS. Gordiano ed Epimaco, via Caronti 58, Blevio, ore 17, ingresso libero
RenatoNegri2006_bassadef
Concerto d’organo di Renato Negri. Musiche di Scarlatti, Purcell, Bach, Luchesi, Franck, Telemann, Leybach, Provesi e Fumagalli.
http://organoprestinari1821.weebly.com/rassegna-2016.html


FESTIVAL CHITARRE MENAGGIO

Ultimo giorno per le chitarre di Menaggio


ZELBIO CULT
Chiesa della Conversione di San Paolo, Zelbio, ore 21, ingresso libero
https://i.ytimg.com/vi/s8A_KOA3frc/maxresdefault.jpg
Concerto di arpa celtica di Arianna Mornico. Arpista di formazione classica, dopo un lungo periodo di pausa, è tornata alla musica scoprendo il calore e la bellezza dell’arpa celtica, che permette di suonare in libertà lasciandosi trasportare dalla musica senza vincoli né obblighi di sorta. Con questo strumento popolare la Mornico ha trovato nuove motivazioni ed energie che l’hanno portata a registrare il cd Rêve bleu, un affascinante album di atmosfere new age e tradizionali.
http://www.zelbiocult.it/


http://www.vololiberoedizioni.it/wp-content/uploads/2014/12/logoCollana_fuorisacco.jpg


BLUES TO BOP
Hall del Lac, piazza Luini 6, Lugano, ore 11, ingresso libero

Il Blues to bop chiude in Gospel

Lascia un commento