Domenica 23 ottobre

La settimana InCom
0 1352

DIANA DORS DAY

Buongiorno,
attenzione! Il biopic sulla vita di Al Bano e Ro Mina si farà. Una coproduzione russa, naturalmente, con grandi nomi coinvolti puntando anche al mercato americano. Il Carrisi ha suggerito due nomi: «Se fossi io a scegliere, vorrei essere interpretato da Tom Cruise. Ha gli occhi chiari come i miei, la mia stessa altezza (sic), il sorriso positivo e tanta energia. Per il ruolo di Romina, invece, vedrei bene Angelina Jolie. Americane e capelli lunghi entrambe, ed entrambe figlie d’arte. Alte, sguardo comunicativo, grinta». Direi che è superfluo commentare, però mi ha fatto pensare. Da chi vorrei essere interpretato nel film della mia vita? Di certo non da un nome di serie A. Temo che, nel mio caso, a essere realista, dovrei puntare su Zach Galifianakis e il fatto che molti di voi non lo conoscano la dice lunga (è questo signore qua:

http://www.filmforlife.org/wp-content/uploads/2014/08/zach_galifianakis.jpg

la faccia è più popolare del cognome, sarà perché è greco). A questo punto tutti quelli che mi conoscono possono scegliersi un attore o un’attrice a scelta per infilarla nel film che potrebbe intitolarsi Una vita da InCom, ma in quel caso probabilmente mi ritrarrebbe… anzi, ritrarrebbe Galifianakis intento a scrivere di notte da solo. Successo assicurato. Un brano acconcio alla mia (alla tua) vita:


PREMIO ALDA MERINI
Bibiloteca comunale, via Funicolare 16, Brunate, ore 11, ingresso libero

Il Premio Alda Merini a Moni Ovadia nel segno di Slavejkov


CANTÙ – RESIA: OPERAZIONE AMICIZIA
Ex chiesa di Sant’Ambrogio, piazza Marconi, Cantù, ore 11
loca
Inaugurazione della mostra Cantù – Resia: Operazione amicizia. Il 6 maggio 1976 una forte scossa di terremoto devastò l’intera regione del Friuli. La tragedia impressionò tutti ma in maniera particolare l’allora “storico” direttore del quotidiano La Provincia di Como, Gianni De Simoni. Fin da subito, nel suo editoriale quotidiano Fogli d’appunti diede avvio a una sottoscrizione di raccolta fondi intitolata Un mattone per il Friuli. Ogni suo scritto colpiva al cuore i lettori e la raccolta fondi aumentava di giorno in giorno. Chiese la collaborazione all’amico architetto Alberto Sala, insieme ad altri progettisti, per la progettazione di case in muratura antisismiche. Mentre la terra ancora tremava, si eseguirono sopralluoghi per individuare quale fosse il paese più bisognoso e più devastato dal sisma; scelsero il paesino di Oseacco di Resia. Alla costruzione del Villaggio Lario parteciparono più imprese edili canturine, ciascuna mandando propri operari a operare sul posto e, dopo soli sei mesi dall’inizio lavori, il villaggio composto da 30 villette bifamiliari fu terminato. Man mano che il cantiere progrediva, ci si rese conto però che le case sarebbero state vuote, mancavano d’arredo e quindi la Pro Cantù si fece promotrice di una operazione di solidarietà, Cantù – Resia: Operazione amicizia, a cui risposero tante aziende canturine. La mostra di fotografie e documenti ricostruirà questo particolare momento di solidarietà e operosità canturina.


SCOMPARTI
LarioFiere, via Resegone, Erba, ore dalle 11 alle 20
scomparti

La Mostra ScompArti sostiene e valorizza l’arte contemporanea con un progetto espositivo nuovo e rivolto a un ampio pubblico, nonché a privati, amatori d’arte e collezionisti. In esposizione opere di Alessandra Canali, Claudia Amadesi, Marco Brenna, Massimo Duroni, Monica Scaglione, Stefano Carnicelli, Doriam Battaglia, Giacomo Orlandi, Lorenzo Giudici, Marco Greppi, Ida Filippini, Sandro Borroni, Roberto Crippa, Giovanni Ruggeri, Adelio Bonacina, Maria Grazia Bomann, Giovanni Brambilla, Pierino Marchesini, Patrizia Canola, Pietro Arnoldi, Emilio Alberti, Silvano Bruscella, Barbara Corona, Cinzia Cavallaro e Valentina Martegani, Luigina Mazzocca, Pietro Galbusera, Ilaria Franza, Andrea Perego, Davide Molteni, Lorenzo Villa, Carlo Orsi, Paola Pappacena, Ubaldo Pasqualotto, Fabrizio Pedrali, Diego Attilio Racconi, Silvana Scardova, Sergio Repossini, Giada Rotundo, Francesca Salice, Teresa Suardi, Peter Seelig, Egle Scerelli, Francesca Sisti, Luca Tongiorgi, Angiola Tremonti e Raffaele Cornaggia.
Alle 16 il dibattito Riflessioni sull’arte contemporanea e tecniche artistiche. Punti di vista. Interverranno il critico d’arte Roberto Borghi, il docente e designer Roberto Duroni, l’architetto Massimo Negri e il fotografo e editore Carlo Pozzoni.
http://www.scomparti.it


STAGIONE FAMIGLIE DEL TEATRO SAN TEODORO
Via Corbetta 7, Cantù, ore 15, biglietti a 5 sacchi
http://www.teatrosantuccio.it/wp-content/uploads/2016/01/b4722.jpg
A spasso con le ombre della compagnia comasca Tutti in piazza tra due ore: Barbara Seppi (pianoforte e voce), Giacomo Puzzo (narrazione e voce), Giancarlo Brugnola (manovra e realizzazione ombre) e Piero Mazzoli (manovra e realizzazione fondali).
Lo spettacolo gioca sulla tecnica del teatro di ombre, sonorizzato dal vivo. Il buio fa paura, nel buio si sta con la testa sotto le coperte, eppure è nel buio che i sogni vengono e ci carezzano una guancia. E proprio nel buio a volte incontri delle ombre amiche che ti aiutano a trovare il coraggio per affrontare la luce del giorno. A spasso con le ombre è la storia di una bambina di nome Lucia che un giorno si sveglia nel buio più nero, nel sortilegio di un mago malvagio. Sul suo castello regna il silenzio e la vita si è fermata nel sonno di tutti. Ma con l’aiuto delle storie e delle ombre amiche Lucia troverà la strada per accendere di nuovo il suo mondo. Indicato per bambini dai 4 anni in su. A seguire, a tutti i bambini sarà offerta una merenda nel foyer del teatro, in compagnia degli attori.
http://www.teatrosanteodoro.it


STAGIONE NOTTE
Teatro Sociale, piazza Verdi 1, ore 15.30, biglietti a 53 sacchi (platea e palchi), 24 sacchi (IV galleria, parapetto), 21 sacchi (V galleria, parapetto), 19 sacchi (IV galleria, ranghi) e a 16 sacchi (V galleria, ranghi)

A midsummer night’s dream: Shakespeare e Britten secondo De Capitani


PICCOLE IDEE
La Lucernetta, piazza Medaglie d’oro 4, ore 15.30
https://www.teatroincentro.com/teatroincentro/wp-content/uploads/2016/10/PELLE-DASINO3.jpg

Pelle d’asino. Adattamento di Sarah Paoletti dall’originale di Perrault. Con Ester Montalto, Massimiliano Angioni, Laura Cairoli e Francesco Saitta. Scene di Myriam Cappa. Costumi di Laura Cairoli. Regia di Ester Montalto.
Pelle d’asino è una fiaba in cui si parla di passioni di adulti e bambini, di fate buone, di bellissime ragazze in abiti stracciati, di principi azzurri e di amore eterno. È una fiaba a favore dell’autostima che lancia un forte messaggio contro i pregiudizi. È uno spettacolo che invita i suoi spettatori a non basarsi sull’aspetto esteriore per dare dei giudizi, ma a guardare l’interiorità delle persone.
http://www.teatroincentro.com/


LE PRIME VISIONI DEL CINEMA ASTRA
Viale Giulio Cesare 3, ore 15.30, 17.20, 19.10 e 21, ingresso a 7 sacchi

Café Society (Usa, 2016, 96 minuti) di Woody Allen con Jeannie Berlin, Steve Carell, Jesse Eisenberg, Blake Lively e Parker Posey
New York, anni Trenta. Bobby Dorfman lascia la bottega del padre e la East Coast per la California, dove lo zio gestisce un’agenzia artistica e i capricci dei divi hollywoodiani. Seccato dall’irruzione del nipote e convinto della sua inettitudine, dopo averlo a lungo rinviato, lo riceve e lo assume come fattorino. Bobby, perduto a Beverly Hills e con la testa a New York, la ritrova davanti al sorriso di Vonnie, segretaria (e amante) dello zio. Per lui è subito amore, per lei no ma il tempo e il destino danno ragione al sentimento di Bobby che le propone di sposarlo e di traslocare con lui a New York. Ma il vento fa (di nuovo) il suo giro e Vonnie decide altrimenti. Rientrato nella sola città in cui riesce a pensarsi, Bobby dirige con charme il Café Society, night club sofisticato che diventa il punto di incontro del mondo che conta. Sposato, padre e uomo di successo, anni dopo riceve a sorpresa la visita di Vonnie. Con lo champagne, Bobby (ri)apre il cuore e si (ri)apre al dolce delirio dell’amore.
http://www.cinecircolo.it


LE PRIME VISIONI DELLO SPAZIO GLORIA
Via Varesina 72, ore 17.30 e 21, biglietti a 7 sacchi

Qualcosa di nuovo (Italia, 2016, 93 minuti) di Cristina Comencini con Paola Cortellesi, Micaela Ramazzotti, Eduardo Valdarnini e Eleonora Danco
Lucia e Maria sono amiche fin dal liceo, ma non potrebbero essere più diverse: Lucia è esigente e rigorosa o, come direbbe Maria, “gufa e spadona”; Maria si descrive come “morbida, positiva e vibrante” o, come direbbe Lucia,”un po’ mignotta”. Anche il loro rapporto con gli uomini è diametralmente opposto: Lucia, scottata da un matrimonio infelice, ha elevato un muro ed è diventata una “donna di nessuno”; Maria invece è una “donna di tutti” che colleziona avventure occasionali con partner improbabili alla segreta ricerca dell’uomo giusto. A scompigliare le carte arriva Luca, amante di una notte di Maria, 19 anni e una fame inesauribile di sesso e di esperienza di vita. Le due amiche finiranno per contenderselo, non secondo le trite dinamiche della competizione “femminile”, ma secondo un percorso di ricerca individuale della propria identità.
NdA: ah beh, allora… se è un percorso di ricerca individuale della propria identità…
http://www.spaziogloria.it/


STAGIONE DEL TEATRO SAN TEODORO
Via Corbetta 7, Cantù, ore 19
http://esq.h-cdn.co/assets/cm/15/05/54cd4270f29da_-_esq-hangover-cures-010213-dkemgi-xl.jpg
Hangover. Aperitivo in inglese con l’insegnante madrelingua Alex Bygate. Dopo un buon drink l’inglese, lo sappiamo tutti, si parla meglio. Ecco allora l’aperitivo che allenerà your English accent, nel modo più divertente. Che siate principianti o esperti parlatori, il teacher madrelingua Alex Bygate vi aspetta per una serata di chiacchiere in lingua, suggerendo parole e modi di dire da usare nelle vostre conversazioni e sarà a disposizione per sciogliere tutti i vostri dubbi in materia.
http://www.teatrosanteodoro.it/


fuorisacco


PJ HARVEY IN CONCERTO
Alcatraz, via Valtellina 25, Milano, tutto esaurito

PJ Harvey, una rock queen in concerto all’Alcatraz di Milano

 

Lascia un commento