Domenica 15 gennaio

La settimana InCom
0 1470

CAPTAIN BEEFHEART DAY

Buongiorno,
quando il bambino era bambino c’era la borsa valori, un giuoco da grandi, uno stanzone dove uomini con le maniche delle camicie arrotolate fino al gomito gridavano cifre incomprensibili, ma il sistema era chiaro. Compri Canistracci & Oil a una certa cifra e rivendi a un’altra, si spera maggiore. Nel millennio successivo quelle contrattazioni sembrano incisioni rupestri, anticaglie, un giuoco da bambini piccoli. Adesso si scommette sulla resa di titoli aggregati collegati a operazioni finanziarie che hanno solo una sigla, colossi industriali possono crollare dalla mattina alla sera per un tweet incauto, gli Stati, trasformati in grande aziende, rischiano costantemente di essere esposti. In tutto questo, dopo avere multato Standard & Poor’s (sarà anche il cognome del fondatore, Henry Varnum Poor, ma è bellissimo il fatto che, comunque, si chiami Standard & Povero), ieri anche Moody’s ha patteggiato, ammettendo, sostanzialmente, che le oculate valutazioni delle agenzie di rating sono manipolatissime e che solo uno sprovveduto si fiderebbe ancora di esse. Invece di chiudere, tante scuse e da domani si ricomincia da capo. Almeno creiamo delle agenzie di rating delle agenzie di rating! Intanto, per il mio standard, mi sento sempre più poor.

https://ontonixqcm.files.wordpress.com/2014/03/world_cra_investors.jpg

Un brano acconcio alla pooertà;


PICCOLE IDEE
Teatro Lucernetta, piazza Medaglie d’oro 4, ore 15.30 e 17.30, biglietti per bambini a 4 sacchi (platea) e 3 sacchi (galleria), biglietti per adulti a 8 sacchi (platea) e 7 sacchi (galleria)
https://www.teatroincentro.com/teatroincentro/wp-content/uploads/2016/06/peter2.jpg
Peter Pan di John Barrie, adattamento e regia di Ester Montalto. Con Ester Montalto, Massimiliano Angioni, Laura Cairoli, Francesco Saitta, Simone Paci, Jasmine Monti, Marta Caronti, Davide Basoli, Samuele Bompani e Marta Ceruti. Scene di Juan Amago Mampaso. Costumi di Laura Cairoli. Produzione Teatro in Centro .
C’è una stanza: quella di Wendy e degli altri bambini dove a volte c’è anche una mamma che racconta storie. Lì tutto è caldo, protetto, rassicurante… forse un po’ monotono. Di fuori al contrario c’è il mondo di Peter, l’eterno bambino fuggito a soli sette giorni di vita: senza obblighi, senza regole pesanti, pieno di cose e di esseri strani e suggestivi, tutti inafferrabili e inconsistenti, perchè forse la fantasia e l’infanzia sono proprio così. C’è il paese di Peter e degli altri “bimbi sperduti”: un’isola di piume leggere,bolle di sapone e navi invisibili; un paese che esiste solo perchè lo si vuole raccontare e perchè si ha voglia di vederlo. C’è infine una finestra dove Peter vola per “predare” storie. Una finestra attraverso la quale entrano ed escono fate, bambini, sorrisi strappati, baci non dati, occhi sgranati, voglie, paure, sogni, speranze, e tutti quei pensieri, così leggeri, che ti sollevano dolcemente nell’aria e ti fanno volare. Peter Pan incarna il nostalgico rimpianto della dolce illogicità dell’infanzia: l’età gaia, innocente e senza cuore. E il simbolo dell’ostinata volontà di rimanere bambini. Ed è proprio lui che riuscirà a condurre i suoi piccoli amici nell’Isola che non c’è, lontana dagli orrori del mondo. Un sogno o una storia vera, un viaggio oppure no, una storia che racconta dei grandi e dei piccoli; dei grandi che dimenticano e di quelli che cercano di ricordare, di chi a smesso e di chi continua a guardare le stelle, dei genitori e dei figli: un invito a darsi la mano per non aver paura di cercare orizzonti lontani. Uno spettacolo nato per i bambini e consigliato agli adulti, per riaprire una finestra sbarrata da troppo tempo e forse per scoprire che diventare grandi non significa dimenticare di aver avuto un giorno le ali.
http://www.teatroincentro.com/


STAGIONE FAMIGLIE DEL TEATRO SAN TEODORO
Via Corbetta 7, Cantù, ore 15, biglietti a 5 sacchi

Glu glu di e con Mariangela Martino. Sonorizzazione, canzoni e musica dal vivo di Roberto Zanisi. Età: dai 4 ai 12 anni
Glu Glu è uno spettacolo che affronta il tema del’identità degli esseri viventi attraverso il teatro di figura, le canzoni e la musica dal vivo. Sul fondo del mare non esiste la musica. 
E una Sirena tutta sola sogna le note di canzoni d’amore e d’avventura. Un giorno per caso, suonando, arriva una strana creatura: Chitarrosto, che porta la musica nel fondo del mare. Sirena ora può cantare accompagnata dalla musica di Chitarrosto! E le canzoni coinvolgeranno tutte le creature del mare ,che verranno a raccontare le loro storie. Con la tecnica del teatro di figura , Sirena e Chitarrosto daranno vita a storie e canzoni delle creature del mare e ai loro dubbi di identità! Il gambero non sa camminare diritto! Una stella non sa se il suo posto sia il mare o il cielo! Un calamaro diventa vegano, un tonno non sa se mangiare o essere mangiato…
http://www.teatrosanteodoro.it


STAGIONE GIORNO
Sala Bianca del Teatro Sociale, via Bellini 1, ore 16, biglietti a 10 sacchi (adulti) e a 8 sacchi (bambini)

Al Sociale le rose per bambini di Munari


SOTTOPELLE
Teatro San Teodoro, via Corbetta 7, Cantù, ore 19, ingresso libero

Rachele Moscatelli Sottopelle al San Teodoro


TUTTI AL CINEMA

https://s-media-cache-ak0.pinimg.com/736x/16/27/4b/16274bdf3592367483accc8decdbf167.jpg

Potete trovare tutti i film in programmazione in tutte le sale a questo link:
http://www.laprovinciadicomo.it/cinema/films/

Lascia un commento