Uno, due… cento passi di danza sulla seta in Arena

uno-due-cento-passi-di-danza-sulla-seta-al-festival
0 973

«Libertà è partecipazione»: è il motto di Giorgio Gaber e Sandro Luporini il leitmotiv della decima edizione del Festival Como città della musica, anticipato al Teatro Sociale da Barbara Minghetti. In questo nuovo scorcio della manifestazione, che si arricchirà man mano di concerti e altri eventi, una nuova produzione che coinvolgerà non solo i comaschi, ma anche quell’elemento che, per secoli, è stato alla base dell’economia e dell’immaginario lariano: la seta. Questo decennio ha visto il cartellone estivo, fortemente voluto da Aslico, conquistare dapprima il giardino di Villa Olmo per poi trasferirsi nell’Arena retrostante il teatro dal 2013, anno del bicentenario che ha visto nascere anche il progetto 200.com con cittadini comuni che si sono messi in gioco cantando, suonando e ballando i Carmina Burana di Orff. Un evento che si è tarsformato in una tradizione, ma anche in una vera e propria “scuola alternativa” del Sociale che ha portato alla messa in scena di Cavalleria rusticana, Pagliacci, Elisir d’amore e, infine, Nabucco, in scena l’estate prossima, il 29 giugno, 1 e 4 luglio per la regia di Jacopo Spirei, che i partecipanti hanno avuto già modo di conoscere.

Il progetto dei Canti della seta di Virgilio Sieni

«Volevamo una partecipazione allargata, democratica e vitale, senza barriere tra spettatori e artisti, tra amatori e professionisti, tra pubblico e operatori», dice Barbara Minghetti annunciando la novità: venerdì 7 luglio si potrà assistere ai Canti della seta – La città in movimento con coreografie di Virgilio Sieni. «È un danzatore e coreografo tra i più rappresentativi in Europa – è il commento – Sieni da sempre si occupa di danza ‘partecipata’, rivolta a una comunità allargata di cittadini, giovani e anziani, studenti e amatori, mossi dal desiderio di scavare nel proprio corpo per incontrare l’altro. Questa è una partitura coreografica ideata da Sieni appositamente per la città di Como. Il progetto presenta un ciclo di coreografie interpretate da cittadini e danzatori professionisti, chiamati a dar vita a una comunità di gesto». Naturalmente anche questa produzione sarà anticipata da laboratori condotti dallo stesso coreografo e dai suoi assistenti e aperto a più di cento danzatori non professionisti. Le domande di partecipazione dovranno essere inviate entro e non oltre il 10 aprile 2017: verrà lanciato un bando di partecipazione sul sito www.teatrosocialecomo.it. I workshop avranno inizio il weekend del 23 aprile.

Infine un’ultima anticipazione: il 9 luglio una nuova dedica a Verdi con la Messa da requiem nell’esecuzione dell’Orchestra 1813 con la partecipazione eccezionale delle 300 voci della New Jersey Choral Society: anche in questo caso si tratta di non professionisti, ma direttamente dagli Usa.


I biglietti per assistere alle recite di Nabucco giovedì 29 giugno, sabato 1 luglio e martedì 4 luglio nell’Arena del Teatro Sociale sono disponibili da 30 a 25 euro (da 3 a 2 euro di diritti di prevendita)
I biglietti per i Canti della seta venerdì 7 luglio a 20 euro (2,50 euro di prevendita)
Quelli per la Messa da requiem domenica 9 luglio a 15 euro (1,50 euro di prevendita)

La biglietteria del Teatro Sociale è aperta martedì e giovedì dalle 10 alle 14; mercoledì e venerdì dalle 16 alle 20; sabato dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18. Nei giorni di spettacolo dalle 16.

Gli spettacoli avranno inizio alle 21.30 e, in caso di maltempo, potranno essere rappresentati all’interno del Teatro Sociale.

La biglietteria online (www.comofestival.org) consente l’acquisto dei singoli biglietti, tramite pagamento con carta di credito e il ritiro la sera stessa dello spettacolo alle casse del teatro.

Il Festival prevede riduzioni per gruppi e associazioni organizzate. Per eventuali convenzioni e promozioni, rivolgersi all’ufficio promozione del Sociale.

I titolari di Carta giovani (acquistabile in teatro al costo di 10 euro e riservata agli under 30) avranno una tariffa agevolata: 15 euro per Nabucco e Canti della seta e 10 euro per la Messa da requiem. Contatti: telefono 031270170, fax 031271472, infoline 3273117975, mail biglietteria@teatrosocialecomo.it, web www.comofestival.org.

Lascia un commento