Un travolgente sabato di Manifest

un-travolgente-sabato-di-manifest
0 898

Arrivo a Manifest nel tardo pomeriggio, tempo di captare l’atmosfera dell’evento e già mi sento sul pezzo in mezzo all’entusiasmo sprigionato dagli stand in Via Borgo Vico. Colgo qualche attimo di follia osservando la diretta di CiaoComo Radio, fra interviste a musicisti e monologhi di vescovi pastafariani. Sono ore calde, ore tutte da vivere, fra soundcheck e chiacchierate con gli artisti: Manifest è un concentrato di vita, un evento magico, pienamente coinvolgente. Ci troviamo in quella via che una volta all’anno si trasforma in un fiume di creatività, idee, arte e musica: a Manifest puoi incontrare rocker di tutte le età così come puoi imbatterti in un gruppo di fotografi che affermano di voler imprigionare la tua anima scattandoti una foto attraverso un telo elastico. Capita anche di vedere giovani fanciulle aggirarsi in vesti burlesche.

_dsc0059

A Manifest quando arriva ora di cena i tavoli si riempiono e le birre si spillano, e quando cala la luce si apre un mondo di presenze musicali infinite. Passando dal Palco portico, luogo dedicato alle esibizioni acustiche, sento di essere catturata dalla sincerità con cui ogni musicista esprime la sua essenza artistica: c’è sempre un piccolo gruppo di giovani ad ascoltare in silenzio, accompagnati da quella giusta dose di introspezione adolescenziale. Sono circa le 19 e mentre il Palco B emana pure onde rock mi dirigo verso l’esibizione delle Marshmellow Pies, trio di giovani ragazze che con la loro dolcezza coccolano il mio cuore e quello del pubblico.

_dsc0075

A Como una trentina di band fra gruppi rock, blues, raggae, indie e folk animano una notte unica nel suo genere. Sarebbe inutile tentare di illustrarvi la grandezza dell’evento: quella dell’associazione Musicisti di Como è una vera e propria scommessa, che ogni anno sembra accreditagli una sempre più positiva riuscita.  In via Borgo Vico percepisco un’ordinata rivoluzione, tanti piccoli fuochi in musica che, una volta accesi, generano grandi scosse culturali in ognuno di noi. Novità e freschezza in un settembre che è sembrato più leggero: alla città non resta che aspettare l’edizione 2017 per un’altra carica di adrenalina alla Manifest way.

aap_8233

(Foto di Camerabox)

Lascia un commento