Un recital sulla bellezza per il coro della chiesa di San Giuseppe in Como

0 194

Sabato 18 marzo, alle ore 21, nella chiesa di San Giuseppe di Como, si terrà il recital La bellezza non si crea. È. A esibirsi, il coro storico della parrocchia, composto da una cinquantina di elementi, in attività da più di quarant’anni, che da ventuno, una volta all’anno, per la festa del patrono, si riunisce per dare vita a un concerto dal repertorio originale e fuori dai canoni convenzionali.

«Tutto gira intorno a un tema – mi racconta Elena Mirata, docente dell’Istituto Da Vinci – Ripamonti e membro del coro – e in base a quello si scelgono le canzoni da preparare e proporre al pubblico. Abbiamo sempre presentato tematiche rivolte al sociale e all’attualità, ma quest’anno, ispirandoci alla giornata mondiale della poesia, prevista per il 21 marzo, abbiamo scelto di cantare la bellezza, alternando musica e versi. Spazieremo in vari generi, tra gospel e musica cantautoriale italiana, con brani adattati all’esecuzione corale, e saremo accompagnati da una tastiera, una chitarra, un violino e alcune basi. Da Il postino di Massimo Troisi a Ho sognato una strada di Ivano Fossati, da Luce, scritta da Luca Barbarossa e cantata da Fiorella Mannoia, al Cantico delle Creature di Angelo Branduardi, dall’Ave Maria di Renato Zero a un gospel tradizionale, lanceremo il nostro personale messaggio di speranza e amore universale, per festeggiare al meglio il cinquantesimo anniversario della consacrazione della nostra chiesa.»

Lascia un commento