To weave dreams: sognando Miniartextil

to-wave-dreams-sognando-miniartextil
0 963

Di che materia(le) sono fatti i sogni? Tessuto? Scotch? Carta?
Stiamo per iniziare a costruire con le mani, oltre che con il pensiero, la ventiseiesima Miniartextil e dal 1991, anno del debutto, tante proposte artistiche sono passate e ancora oggi restano indimenticate. Denominatore comune, da sempre, è la ricerca condotta sulla fiber art contemporanea, segmento dell’arte oggi più che mai studiato, approfondito, seguito anche da tanti giovani e da numerosi artisiti che utilizzano le fibre naturali per realizzare le loro opere.
Celeberrima la tradizionale esposizione dei 54 minitessili – non uno di più, non uno di meno, perchè del resto il 5 sommato al 4 da il 9, numero perfetto.
Tutte da scorpire e amare, invece, le grandi novità per il 2016 tra le quali presentiamo oggi il collettivo artistico Numen for Use, l’artista statunitense Crystal Wagner e lo sculture tessile Thomas De Falco.
Per sgranare gli occhi con stupore, provate a osservare le immagini dell’opera Tape dei Numen, l’installazione site specific che occuperà la navata centrale della ex chiesa di San Francesco, realizzata utilizzando esclusivamente scotch assemblato grazie all’antico principio tessile di trama e ordito. L’opera sarà interattiva e praticabile, un modo più di un altro per toccare e vivere l’arte contemporanea e non vederla come qualcosa di perennemente lontano dalle nostre vite.

Tape - Numen for Use

TapeNumen for Use

Poche parole per introdurre i lavori di Wagner, californiana con studi in Tennessee, che traduce i sogni in carta. A lei il compito di trasformare le antiche e suntuose stanze di Villa Bernasconi a Cernobbio – Comune con il quale si rafforza un solido legame – e renderle palpabile strumento di matrice onirica.

Alluvion - Crystal Wagner

AlluvionCrystal Wagner

De Falco che lavorerà sia nella ex chiesa di San Francesco, sia, per la giornata inaugurale di sabato 1 ottobre a una performance nella ex chiesa di San Pietro in Atrio, farà conoscere a tutti l’antica e affascinante arte del wrapping. Reduce da un evento che ha riscosso notevole successo al Museo dell’Ara Pacis di Roma, Thomas, artista proveniente dal mondo della moda saprà, come pochi altri, unire arte e bellezza. Due modelli nella sede principale, 33 ragazzi e ragazze a San Pietro in Atrio: saranno i cordoni bianchi e rossi che compongono i wrapping a unire simbolicamente la perfetta fisicità dei giovani protagonisti e a segnalare quanto oggi l’arte ha più che mai bisogno di esprimersi anche attraverso canoni non convenzionali.

Wrapping - Thomas De Falco

WrappingThomas De Falco

Ma To weawe dreams, la nuova Miniartextil, non è solo questo: abbiamo in serbo per voi molte altre sorprese che vi sveleremo dopo le agognate vacanze estive. Perche vogliamo continuare a farvi sognare per fare in modo che ognuno possa avere l’occasione di tessere il proprio sogno.

Lascia un commento