Ricordando Gigi Meroni alla Ubik: 50 anni senza la farfalla granata

0 593

Libri su Gigi Meroni ce ne sono tanti e alla storia è stata consegnata anche una brutta fiction Rai che ha lasciato a bocca aperta chi ha conosciuto il grande calciatore comasco, e non certo per la felicità. Ma Gigi Meroni. Una vita a tutto campo non è un libro come tanti. Intanto questo volume – Carlo Pozzoni Fotoeditore, 162 pagine illustrate – è tutto lariano, è stato realizzato con l’aiuto della famiglia Meroni e raccoglie le testimonianze di chi, “il Luigino”, lo ha conosciuto e apprezzato davvero.

Leggende del calcio: Giacinto Facchetti e Gigi Meroni in campo nel gennaio del 1964

È stato pubblicato per la prima volta nel 2013 e prima di essere presentto nella chiesa di San Bartolomeo – i primi calci al pallone li aveva dati proprio nel campetto della Libertas, lì vicino – il libro era stato portato alla Ubik di piazza San Fedele 32 dove torna, mercoledì 4 ottobre alle 18, perché ci sono due ricorrenze: la libreria prosegue gli appuntamenti che celebrano i suoi primi dieci anni di attività. E in questa occasione si vuole commemorare il cinquantesimo anniversario della prematura scomparsa di Meroni, sportivo, artista, libero pensatore e giovane moderno in un’Italia, quella degli anni Sessanta, che stava cambiando e che la sua figura ha contribuito a cambiare prima che un maledetto incidente lo strappasse troppo presto alla vita, il 15 ottobre del 1967.

«Questo libro è la realizzazione di un sogno – ricorda l’editore Carlo Pozzoni – abbiamo iniziato a lavorarci cinque anni fa trovando grande disponibilità da parte di tutti, soprattutto da parte dei familiari di Gigi». Sarà presente anche la signora Maria Meroni, la sorella, che ha dovuto subire, è il verbo giusto, la visione di un programma televisivo che non ha avuto nessuno rispetto della verità, sacrificata sull’altare di una spettacolarizzazione che non apparteneva all’uomo. Un approccio ben differente è stato quello di Pierluigi Comerio, giornalista sportivo che ha raccolto numerose testimonianze, che vanno da amici come Graziano Brenna, Giampiero Majocchi e Livio Prada, a star del calcio come Mazzola e Mondonico fino a Dino, cantante celebre negli anni Sessanta, grande amico di Gigi. Il tutto incorniciato da due scritti di Gianni Mura e Massimo Gramellini e impreziosito – nella prima tiratura ormai introvabile – dalla struggente canzone Gigi Meroni, scritta a quattro mani da Filippo Andreani e Luca Ghielmetti.

Lascia un commento