Presi nella rete: buone pratiche di vita social

presi-nella-rete-buone-pratiche-di-vita-social
0 361

Rosa Giuffrè

I social network e la rete sono strumenti entrati nella vita di tutti – a qualunque generazione (o quasi) si appartenga. Anche i cosiddetti “tardivi digitali” ne fanno uso, buono o cattivo che sia, ne traggono beneficio oppure ne sono spaventati. L’incontro di mercoledì 22 novembre alle 21 al Centro pastorale Cardinal Ferrari è pensato soprattutto per loro. Presi nella rete – Buone pratiche di vita social – questo il titolo – è promosso da Il Settimanale della diocesi di Como e dall’Ufficio diocesano comunicazioni sociali. Nell’arco della serata ci si confronterà su cosa rappresentino oggi i social network e quale sia il loro futuro, quali possano essere le sfide, i rischi e le opportunità.

Sonia Monticelli

Tre i relatori ospiti, tutti esperti del settore: Rosa Giuffrè, consulente per la Comunicazione Digitale, formatrice e blogger, autrice del libro Social education che fungerà da punto di partenza della discussione; Sonia Monticelli, psicologa psicoterapeuta della famiglia e operatrice del consultorio La Famiglia di Como; Alessandro Nardone, consulente di marketing digitale, in collegamento Skype da New York. Lo stesso incontro verrà riproposto – a cura del onsultorio La Famiglia – anche il prossimo 29 novembre all’oratorio di Tremezzo, sempre alle 21.

Alessandro Nardone

Da giovedì 23, inoltre, saranno aperte le iscrizioni al corso che porta lo stesso titolo della serata e che si svolgerà al Centro Cardinal Ferrari nel mese di gennaio. Tre mattinate – quelle del 13, 20 e 27 – in cui dalle 9 alle 13 i partecipanti potranno imparare a fare un uso intelligente del web e dei social grazie alle lezioni dei docenti. Questi ultimi saranno le stesse Rosa Giuffrè e Sonia Monticelli con don Giovanni Fasoli, psicologo clinico e dell’educazione, docente di cyber coaching, cyber teologia e pedagogia. Per informazioni e iscrizioni – al costo complessivo di 70 euro – è possibile contattare il numero 031263533, scrivere a setcomo@tin.it, o contattare la pagina Facebook del Settimanale della diocesi.

 

Lascia un commento