Parolario, sabato 18 giugno

parolario2016
0 1102

Ecco il programma della seconda giornata dell’evento culturale che oggi si svolge a Villa Olmo e a Villa Bernasconi di Cernobbio. Tutti gli incontri sono a ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili.

Appuntamenti a Villa Olmo, via Cantoni 1, Como

179147_4195259007578_54303510_n– ore 9 lezione aperta di scrittura creativa con Andrea Di Gregorio. Perché si scrive? Si può imparare a scrivere? Si può migliorare? Quali sono le doti necessarie allo scrittore? Che relazione c’è tra scrittura e autobiografia? In che cosa consiste un corso di scrittura creativa?A queste e a molte altre domande risponde Di Gregorio in questo incontro di presentazione della nuova, ottava stagione dei corsi di scrittura creativa che inizieranno a settembre. Le sette lezioni del corso si terranno presso la sede di Comocuore, in via Rovelli 8 a Como, a partire dal 13 settembre 2016 con cadenza quindicinale. Il calendario è disponibile all’Infopoint di Parolario.


https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/3/36/Rosa_Matteucci.jpg– 11.30 Costellazione familiare è la una nuova incursione di Rosa Matteucci nell’universo aggrovigliato e dolente dei rapporti. Nella famiglia della narratrice sono i cani ad assumere un ruolo determinante: quello di una «risicata passerella di corde gettata fra due impervie ripe sentimentali». Da un lato del baratro c’è una madre di «leggendaria bellezza», refrattaria a qualunque smanceria, sorda a ogni desolato richiamo d’amore, e del tutto disinteressata a fornire alla prole più che un incorporeo nutrimento spirituale; dall’altro, una figlia convinta da sempre della propria inadeguatezza, che non nasconde «una malsana predilezione per quello sfaticato» di suo padre, e votata all’accudimento di una lunga serie di cani, tanto deliziosi quanto pestiferi (e nutriti, loro sì, parecchie volte al giorno). Finché non si troverà, la figlia, a dover accompagnare la madre, amata sempre di un amore tacito e geloso, nel drammatico percorso della malattia che la porterà alla morte. L’autrice dialoga con con la giornalista Francesca Guido. Letture di Antonella Cattaneo, attrice della scuola di recitazione del Teatro San Teodoro di Cantù.


http://www.teatrogiudittapasta.it/public/eventi/settestella2.JPG ore 15 Settestella: spettacolo musicale per bambini dai 3 ai 10 anni. Settestella è un’opera lirica per i più piccoli, un romanzo di formazione in miniatura, raccontata attraverso immagini in movimento, la voce soave di Diana Cardenas e accompagnata da curiosi suoni e rumori, eseguiti dalla percussionista Saya Namikawa. Attraverso il canto, la musica e la pittura, lo spettacolo affronta argomenti quali la diversità e la solidarietà, raccontando ai bambini come le caratteristiche che ci definiscono ci rendono creature uniche. Una stellina luminosa improvvisamente cade dal cielo per finire sulla riva di un fiume. Nel precipitare la stella perde le sue sette punte, diventando rotonda. Dopo la caduta finisce tra i sassi, conservando però qualcosa capace di renderla unica. L’incontro è organizzato in collaborazione con il Museo del Cavallo Giocattolo.


http://www.lirenval.com/Salon%202016/Auteurs/Auteurs%202016/images_2016/Photosauteurs/MartellaVig.jpg– ore 18.15 In Tornare al giardino, Marco Martella racconta il giardino con il linguaggio della poesia e del mito, per mettere in luce la sua essenza molteplice e metamorfica, originaria, vitale, primaria se non primitiva. Per guidarci tra il frusciare delle foglie, l’odore di muschio, la semplice, immediata fragranza di una rosa. E tentare di imparare di nuovo la lingua antica della Natura? L’autore dialoga con il giornalista Lorenzo Morandotti. Introduce Moritz Mantero, presidente di Orticolario.


http://www.lanuovaprovincia.it/uploads/spareparts/2015/09/16/pagina_32827/le-vicende-del-vicequestore-schiavonebralle-quotcantine-bavaquot-con-antonio-manzini-56e6a6d33da2f2.jpg– ore 19.30 Cinque indagini romane per Rocco Schiavone raccoglie le storie che hanno per protagonista il vicequestore di Roma creato da Antonio Manzini: L’accattone, Le ferie di agosto, Buon Natale Rocco, La ruzzica de li porci, Rocco va in vacanza. Perché attraverso le diverse avventure di un poliziotto politicamente scorretto, si svolge un unico racconto. Il racconto della vita di un uomo che si scontra con la impunita e pervasiva corruzione del privilegio sociale, nel disincanto assoluto dell’Italia d’oggi. L’autore dialoga con la giornalista Katia Trinca Colonel.


http://www.festivaldellegenerazioni.it/public/wall/imm_1355_Elisabetta%20Rasy.jpg– ore 20.30 Elisabetta Rasy racconta la guerra dalla prospettiva misconosciuta delle donne al fronte nel suo ultimo romanzo Le regole del fuoco. È la primavera di un anno terribile, il 1917, quando Maria Rosa Radice a poco più di vent’anni lascia gli agi della sua casa a Napoli. Scappa da sua madre, dal salotto aristocratico che fino ad allora è stato il suo unico, soffocante orizzonte. La destinazione è la sola possibile per una donna non sposata e in fuga: il fronte. L’impatto della guerra è brutale. In un piccolo ospedale sul Carso cura centinaia di feriti, li vede soffrire e morire. Ma c’è una luce nelle sue giornate, una scintilla di cui si accorge poco a poco. L’autrice dialoga con la giornalista Sara Cerrato.


http://1.bp.blogspot.com/-QMeJP-T3-Yg/Vl8rzr8sCtI/AAAAAAAAA1I/YnA8pVp67C8/s1600/COVER_IVAN_GRAZIANI.jpg– ore 21.30 Paolo Talanca e Anna Bischi Graziani racconteranno Ivan Graziani, l’uomo e l’artista, attraverso il libro a lui dedicato, Ivan Graziani, il primo cantautore rock. I Sulutumana con l’amico Alfredo Scogna, che proprio con Ivan ha mosso i suoi primi passi da cantautore, faranno da contorno musicale alla presentazione del libro, interpretando brani di Graziani. Modera il giornalista Alessio Brunialti. BiBazz dedica un approfondimento a questo incontro.


Appuntamento a Villa Bernasconi, via Regina 7, Cernobbio

http://immagini.quotidiano.net/?url=http://p1014p.quotidiano.net:80/polopoly_fs/1.1096374.1435388192!/httpImage/image.JPG_gen/derivatives/gallery_800/image.JPG&h=495&pos=top&w=626&mode=clip– ore 18.30 Hans Tuzzi parla della Trilogia di Neron Vukcic, soffermandosi sugli ultimi due capitoli della stessa, Il sesto faraone e Il trio dell’Arciduca. Autore, oltre che di saggi sulla storia del libro e sul suo mercato antiquario e dei romanzi Vanagloria e Il Trio dell’arciduca, dei celebri gialli che hanno come protagonista il commissario Melis: Il maestro della testa sfondata, Perché Yellow non correrà. Gli ultimi sei, La morte segue i magi, L’ora incerta fra il cane e il lupo, Un posto sbagliato per morire, Il principe dei gigli, Casta Diva e Fuorché l’onore, Un enigma dal passato e La figlia più bella, tutti pubblicati da Bollati Boringhieri. Tuzzi dialoga con Marco Gatti.

Lascia un commento