Parolario, mercoledì 22 giugno

parolario2016
0 1041

Ecco il programma della settima giornata dell’evento culturale che oggi si svolge a Villa Olmo, Villa del Grumello e a Villa Bernasconi di Cernobbio. Tutti gli incontri sono a ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili tranne dove indicato.

Appuntamenti a Villa Olmo, via Cantoni 1, Como

http://www.filosofiacoibambini.net/foto/Bio19.jpg– ore 16 Nuovo incontro con la Filosofiacoibambini a cura di Ester Galli, dai 4 agli 11 anni d’età. Cosa accade dinanzi a parole libere dall’obbligo di rappresentare la realtà conosciuta? La ricerca del significato di parole impossibili allena la mente a oltre ciò che c’è, oltre ciò che ci è stato spiegato e mostrato. Il laboratorio Parole libere sarà un viaggio verso la scoperta di mondi possibili dove le parole libere servono a creare nuovi rapporti tra immaginazione e realtà. Ingresso a 5 euro. Prenotazione consigliata allo 031301037, mail: info@parolario.it.


http://www.diocesidicomo.it/como/allegati/22841/Coletti.jpg– ore 17 Monsignor Diego Coletti, Vescovo di Como, Michele Mauri, direttore della rivista Vivere, e Andrea Dusio presenteranno Pietre color delle acque. Il romanico del Lario di Angelo Sala. C’è un invisibile filo che lega, da oltre mille anni, gran parte dei luoghi storici del territorio lariano: è il tracciato delle antiche vie romee, un fascio di percorsi che collegava il Nord Europa con Roma. In questa terra al centro della catena alpina si incontrarono la spiritualità nordica e la pittura vigorosa ed essenziale dei pittori giotteschi, dolce stile e realismo drammatico, linearismi germanici e corposità classiche. Ne sortì un’arte a cui spetta un ruolo di rilievo nel panorama artistico europeo e di cui parla il volume. Le chiese sono testimoni di una storia intensa, custodi anche di tensioni artistiche tra le più significative dell’intero arco alpino, che lungo le rive del Lario e nelle sue valli hanno trovato il terreno ideale per svilupparsi. Saluti di Mario Lucini, sindaco di Como e Virginio Brivio, sindaco di Lecco. L’incontro è organizzato in collaborazione con Bellavite Nonsolocarta.


https://emiliotadini.files.wordpress.com/2014/03/francesco-tadini-archivio-tadini-fotoritratto-di-emilio-tadini.jpg?w=820– 17.40 Anna Modena e Francesca Priori parleranno di Emilio Tadini: collage di parole&figure con Matteo Bianchi e Carolina Leite. Pagine d’Arte, raffinata e indipendente casa editrice che dal 1982 propone titoli originali unendo parole e figure, prosegue il fertile dialogo con l’opera dell’amico di sempre, Emilio Tadini, scomparso nel 2002. Un dialogo di parole&figure fondato sulla relazione fra immagine e testo, che corrisponde all’identità comune alla casa editrice e al pittore-scrittore: dalla costruzione del cielo, scritta e disegnata da Tadini nello spazio magico della collana Ciel vague, alla meravigliosa fiaba della pittura che inventa uno speciale libro d’artista, si illustrano i tempi di un lavoro comune. L’incontro è organizzato in collaborazione con Pagine d’Arte.


https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net/v/t1.0-9/558961_185886791561499_415363717_n.jpg?oh=5286b89ac80d2954aa40ef0844445227&oe=57E674CB– ore 18.30 Torna a Parolario Silvia Vegetti Finzi che presenterà il suo nuovo libro Una bambina senza stella dialogando con Anna Veronelli.
Chi è la bambina senza stella? Una bambina, in cui si cela l’autrice, sfortunata, ma non troppo. Seguendo il filo dei suoi ricordi, sedotto da una scrittura suggestiva e poetica, il lettore potrà ritrovare, per consonanza, tratti perduti della propria infanzia, là dove risiede il cuore pulsante della vita e la parte più autentica di sé. Cresciuta, come molti altri, negli anni tragici del fascismo, della guerra e delle persecuzioni razziali, che la coinvolgono in quanto nata da padre ebreo, la bambina ne uscirà intatta avendo preservato la magia dell’infanzia e la voglia di crescere. Le sue vicende, rievocate con sorprendenti flash della memoria e puntualmente commentate da una riflessione competente e partecipe, svelano le sofferenze dei bambini, spesso colpiti dai traumi della separazione, dell’indifferenza e del disamore. E il dolore infantile non cade mai in prescrizione. Negli squarci di un passato che non passa possiamo cogliere però, con l’evidenza della vita vissuta, anche le meravigliose risorse con le quali l’infanzia può attraversare le difficoltà della vita: il gioco, la fantasia, la creatività e l’ironia. Risorse che, attualmente, un’educazione ansiosa e iperprotettiva rischia di soffocare. Ed è con la forza del pensiero, della scrittura e della testimonianza che questo libro si propone di rassicurare i genitori che i loro figli ce la possono fare, ce la faranno, se riusciranno a realizzare, mettendosi alla prova, le loro potenzialità.


https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net/v/t1.0-9/310949_2013354578394_1679364549_n.jpg?oh=97706a65719d8d992d20c5bda19b4476&oe=57D3E06F– ore 19.30 Donatella Di Cesare parlerà di Heidegger e gli ebrei con Chiara Milani. Martin Heidegger imputa agli ebrei la colpa più grave, da cui dipende il destino dell’Occidente: quello che il filosofo tedesco ha chiamato l’oblio dell’Essere. Qual è dunque il rapporto tra l’Essere e l’Ebreo? Qual è il senso dell’accusa di Heidegger, e perché questa stessa accusa viene mossa negli anni Trenta, dopo le leggi di Norimberga, mentre inizia la guerra planetaria che dovrebbe condurre la Germania nazionalsocialista al dominio del mondo? I Quaderni neri di Heidegger, da poco pubblicati, oltre a dischiudere un’inedita prospettiva sul pensiero del filosofo, stanno suscitando un nuovo, intenso dibattito. L’antisemitismo metafisico che vi si legge solleva inquietanti e gravi interrogativi e rinvia alla responsabilità della filosofia nello sterminio.


http://www.maurizioscarpari.com/wp-content/uploads/2015/01/maurizio-scarpari-tondo.jpg– ore 20.30 Uno sguardo a Oriente con Maurizio Scarpari e Gian Carlo Calza che analizzeranno Confucianesimo e potere nella Cina di oggi. Prendendo spunto dai due libri di Scarpari Ritorno a Confucio. La Cina di oggi fra tradizione e mercato e Confucianesimo, si discuterà di come in Cina lo straordinario sviluppo economico degli ultimi decenni abbia promosso un benessere diffuso ma abbia anche prodotto o lasciati irrisolti squilibri gravi a livello strutturale, sociale, culturale. Accanto a un numero crescente di ricchi e super – ricchi convivono ancora milioni di persone in condizioni di estrema povertà. Nel vuoto ideologico e nello spaesamento esistenziale conseguenti all’esplosione liberista, il Partito comunista cinese guarda con rinnovato interesse alle radici del suo patrimonio culturale, riscoprendo i princìpi etici del confucianesimo, garanti del buon governo e di quella società armoniosa che hanno caratterizzato l’impero per oltre duemila anni. Introduce l’incontro Alfredo Tomasetta. In collaborazione con l’associazione Caracol.


http://www.24framespersecond.net/images/uploads/confucius1.jpg– ore 22 Confucius (Cina, 2010, 125 minuti) di Mei Hu, con Chow Yun-Fat, Yi Lu, Jianbin Chen, Quan Ren e Huang Jiao
Nella Cina del V secolo a.C., il maestro Confucio (Kong Qiu) viene invitato a corte dal sovrano della provincia di Lu. Infatti nella zona si verificano numerosi disordini a causa dell’ignoranza del popolo e dell’assenza totale di cultura. Così Confucio inizia il suo lavoro e si dimostra un brillante insegnante e pensatore libero, ristabilendo l’ordine nella contea. Alla fine Confucio viene elevato al grado di Capo Consigliere del Re, ma viene esiliato quasi subito da alcuni nemici del re. Al grande maestro cinese non resta che diffondere le sue dottrine altrove, ma non dimenticherà mai l’affetto per quel paese che lo ha ospitato.


Appuntamenti a Villa Bernasconi, via Regina 7, Cernobbio

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/2/29/Roald_Dahl.jpg– ore 16.30 La cooperativa sociale Noi Genitori onlus proporrà letture animate dedicate al grande Roald Dahl, che quest’anno compie 100 anni. Nato nel 1916 a Llandaff, nel Galles, Dahl è un gigante della letteratura per l’infanzia, uno scrittore amatissimo da tutti, grandi e piccini. Tra le opere più note la Fabbrica di cioccolato, Matilde e Furbo il signor volpe. L’incontro è a cura della cooperativa sociale Noi Genitori per il progetto Diversamente invincibili. Cernobbio per tutti.


http://www.biblioteca-spinea.it/blog/wp-content/uploads/2013/10/giuseppe-pontiggia.jpg– ore 18.30 Nati due volte con Andrea Pontiggia, Maddalena Massafra e Stefano De Luca che dialogano con Mario Porro. L’attore Christian Poggioni leggerà alcuni estratti dal romanzo di Giuseppe Pontiggia, in preparazione allo spettacolo teatrale che verrà messo in scena nella Stagione 2016/17 al Teatro San Teodoro di Cantù (coproduzione del Teatro Comunale San Teodoro con l’Associazione Parolario). L’incontro è organizzato in collaborazione con il Teatro comunale San Teodoro di Cantù.


Appuntamenti a Villa del Grumello, via per Cernobbio 11, Como

http://www.economyup.it/upload/images/11_2014/giulio-cesareo-presidente-141127094541_medium.jpg– ore 19 Giulio Cesareo e Michela Fumagalli presenteranno Nano is Big, il racconto di come un sogno imprenditoriale sia diventato Directa Plus, start up nata nel 2005 e poi cresciuta, fino a diventare uno dei maggiori player nel mercato del grafene, presente sui mercati internazionali con i primi prodotti e attivo in moltissimi campi di ricerca. Il libro è il racconto di un viaggio: fisico, tra gli Stati Uniti, l’Italia e l’Asia ma soprattutto metaforico, tra i dubbi di uno startupper, le scelte fatte, le persone incontrate, le sfide affrontate e qualche lezione imparata. Gli autori dialogano con Annarita Polacchini. In collaborazione con ComoNExT.


http://media.dglibri.it/autori/nodolibrieditore/pietro-berra-108520.jpeg– ore 20.30 Ode al vento. Un viaggio poetico tra Italia e Cile con Pietro Berra, Laura Garavaglia e Stefano Donno, seconda presentazione dopo la prima assoluta alla Casa museo di Neruda a Santiago del Cile della sesta raccolta di poesie di Berra, Ode al vento (Una historia de antìpodas). Il volume, con testo a fronte in spagnolo a cura del poeta cileno Mario Castro e di Mirna Ortiz, è un viaggio sentimentale, letterario e metaforico tra due Paesi lontani geograficamente, ma sorprendentemente vicini dal punto di vista umano. Una ricerca di luoghi dell’anima, seguendo l’ispirazione dell’amore, dei paesaggi, della poesia (di Pedro Salinas e Pablo Neruda, in particolare) e degli emigranti del secolo scorso. La presentazione sarà accompagnata da letture e immagini. L’incontro è organizzato in collaborazione con la Casa della Poesia di Como.

Lascia un commento