Parolario, martedì 21 giugno

parolario2016
1 1142

Ecco il programma della sesta giornata dell’evento culturale che oggi si svolge a Villa Olmo, Villa del Grumello e a Villa Bernasconi di Cernobbio. Tutti gli incontri sono a ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili tranne dove indicato.

Appuntamenti a Villa Olmo, via Cantoni 1, Como

– ore 16 Discover Como speciale Parolario: Villa Olmo con Anna Buttarelli e Laura Arrighi. L’Associazione Luminanda e La Feltrinelli di Como presentano un ciclo di letture che coinvolgerà i bambini in un percorso alla scoperta dei personaggi di ieri e di oggi che hanno attivato grandi cambiamenti nella nostra città. È un progetto che prevede la presentazione di un luogo della città di Como o di un suo protagonista. Durante il primo incontro realizzato appositamente per Parolario, i bambini andranno alla scoperta di Villa Olmo. Una biografia tematica sarà presentata a ogni incontro con la relativa possibilità di acquistare i libri presentati.


rise5– ore 17 Claudio Risè parlerà de Le malattie della ricchezza. Le malattie che oggi in Occidente determinano oltre i 3/4 dei decessi sono, infatti, dovute al culto del troppo: troppo cibo, troppi grassi, troppi zuccheri, troppi soldi. Anche, naturalmente, troppa fretta, impegni, informazioni. E quasi tutto da fermi, o quasi: trasportati sempre più velocemente, ma molto più immobili e sedentari dei nostri padri, o nonni come racconta nel saggio Sazi da morire. Malattie dell’abbondanza e necessità della fatica. L’autore dialoga con Pietro Berra.


http://www.consulenzeditoriali.it/wp-content/uploads/2013/10/Masini-vertical-%C2%A9Isabelle-Boccon-Gibod-.png– ore 18.15 Beatrice Masini torna a Parolario con la sua nuova opera I nomi che diamo alle cose, un libro che parla della cura degli altri e delle cose, di madri buone e figli cattivi o viceversa, di vino, cani e fantasmi, del peso da dare a ciò che si fa e alle parole che si scelgono per definirlo. La scrittrice dialoga con Sara Cerrato.


http://www.tuttotroppopresto.it/wp-content/uploads/2014/12/foto-2013-per-lavoro-750x1129.jpg– ore 20.30 Alberto Pellai presenta la Girl r-evolution. Molte ragazze sono convinte che per essere belle bisogna essere magre, o che solo vestendosi in modo provocante si può avere successo… Sicure sia proprio così? Questo libro regala alle lettrici – a quelle più piccole ma anche a quelle più grandi – un nuovo paio di occhiali, per guardarsi allo specchio con maggior indulgenza e sicurezza. Diventa ciò che sei: il messaggio del libro di Pellai sta in queste quattro semplici parole. L’autore dialoga con Laura Romano. Introduce Anna Veronelli. L’incontro è organizzato in collaborazione con Progetto Aurora.


http://blogs.bestmovie.it/paolosinopoli/files/2012/07/Detachment.jpg– ore 22 Detachment – Il distacco (Usa, 2011, 98 minuti) di Tony Kaye con Adrien Brody, James Caan, Christina Hendricks e Lucy Liu
Henry Barthes è un insegnante supplente, tormentato dal suo passato di bambino che ha subìto il suicidio della madre rimasta sola a crescerlo. Henry si prende cura del nonno con cui è cresciuto, il quale, in seguito a quell’evento, ha perso il senno. La madre si è suicidata a causa della sua depressione, causata da una violenza subìta dal padre da bambina. Nella classe di Henry vi è, tra gli altri, una alunna – Meredith – dotata di una notevole sensibilità artistica ma disperata per via delle umiliazioni subìte dai compagni e da suo padre per la sua obesità. Meredith, in un tentativo di comunicare il proprio dispiacere e le proprie difficoltà a Henry gli dedica una fotografia che lo ritrae senza volto in una classe vuota. Meredith, dopo essere respinta anche dall’unica persona che lei reputa in grado di capirla, si suicida. Henry a quel punto capisce che la sua non è vita, e dopo un fortissimo travaglio interiore decide di cambiare andando a trovare Erica, una bambina prostituta che gli si era legata ma dalla quale lui aveva deciso di allontanarsi. In collaborazione con Teatro San Teodoro Cantù.


Appuntamento a Villa Bernasconi, via Regina 7, Cernobbio

http://www.lospecchio.com/2014/7%20feb/genPellegrini.jpg– ore 18.30 Il giornalista Francesco Condoluci e Angiolo Pellegrini, generale dell’Arma dei Carabinieri in pensione e uomo di fiducia del pool antimafia, affronteranno il delicato tema Noi, gli uomini di Falcone: la mafia, le mafie, tra narrazione, memoria, attualità. Nel 1981 il capitano Pellegrini assume il comando della sezione Anticrimine dell’Arma dei Carabinieri. Un ruolo scomodo: la mafia in Sicilia ha seminato una lunga scia di cadaveri eccellenti e tiene l’isola sotto scacco. Unica speranza, un giudice palermitano che con alcuni colleghi ha fatto della lotta alle cosche la sua missione: Giovanni Falcone. Ha bisogno però di uomini fidati che portino avanti le indagini a modo suo. E Pellegrini non si tira indietro. Il libro, scritto da Pellegrini a quattro mani con Condoluci, ricostruisce dall’interno, a ritmo serrato, il periodo più drammatico ed eroico della guerra a Cosa Nostra.


Appuntamenti a Villa del Grumello, via per Cernobbio 11, Como

https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net/v/t1.0-1/c11.0.178.178/310961_109872899120217_1110643499_n.jpg?oh=86f678b29e9ff0af09925ffd0468844d&oe=57C56494– ore 19 Ultimo appuntamento del ciclo L’incontro delle idee. Quattro conversazioni tra scienza e filosofia: Nicola Canessa parlerà di Cervello, empatia e decisioni. Il suo ultimo libro, Il sogno della ragione. Come funziona il cervello, racconta come ogni giorno, e quasi ogni minuto, la nostra vita sia fatta di decisioni: da dove parcheggiare o fare la spesa, alla scelta del lavoro o del compagno di vita. Le più recenti tecniche di neuro-immagine hanno permesso di approfondire la nostra conoscenza dei meccanismi neurali soggiacenti ai processi decisionali, individuando almeno due modalità di decisione, spesso in conflitto tra loro, e suscettibili in vario modo di essere condizionate, influendo così in modo profondo sul nostro quotidiano. Canessa dialoga con Alfredo Tomasetta. Introduce Sergio Balbi. In collaborazione con Fondazione Alessandro Volta.


http://parolario.it/var/plain_site/storage/images/menu-liste-parti/sviluppo/ospiti/magni-emilio/28805-1-ita-IT/Magni-Emilio_large.jpg– ore 20.30 Emilio Magni presenta il suo ultimo romanzo El malnatt. Due brianzoli anomali nel paradiso-inferno degli hippy a Goa. Consolata e Andrea, i due protagonisti del racconto, ambedue brianzoli, single, ormai nell’età in cui la gioventù si avvia a sfiorire, lei in ostinata ricerca di amore, lui invece dell’amore è un dispensatore mercenario, insomma, un gigolò, si incontrano, si amano, si divertono molto, si infilano velocemente nelle trasgressioni più intense. Sono due persone qualsiasi, normali, ma anche due anime spregiudicate, che vogliono vivere intensamente le loro emozioni. Insomma, Consolata e Andreino sono due brianzoli anomali. Si lasciano ghermire dai miti del momento, dalla musica psichedelica, dagli stupefacenti, subiscono il fascino degli hippy, finiscono in India, a Goa, il paradiso dei figli dei fiori. Precipitano nel baratro del traffico degli organi. Lui cede, invece la coraggiosa Consolata diventa Conso, si riscatta, reagisce con grande forza. Diventa un’eroina e riesce a soddisfare il sogno di tornare con lui in Italia, in Brianza, da sua madre. Il destino le riserva però altri colpi bassi. Lo scrittore dialoga con Severino Colombo.

1 commento

21 giugno 2016 alle 8:48

D’accordo, sicuramente dipenderà dalla disponibilità degli scrittori, però è un vero peccato che due appuntamenti interessantissimi, vengano “bruciati” perchè collocati a distanza di mezz’ora, in sedi diverse. Mi riferisco a ” Noi, gli uomini di Falcone: la mafia, le mafie, tra narrazione, memoria, attualità” di Francesco Condoluci e Angiolo Pellegrini (generale dell’Arma dei Carabinieri in pensione e uomo di fiducia del pool antimafia) e “Il sogno della ragione” di Nicola Canessa che parlerà di Cervello, empatia e decisioni.

Lascia un commento